Natron: il lago che trasforma le creature in statue

Lago Natron - Statua di una colomba

Come lo sguardo di una Gorgone, il lago Natron confonde le prede e le cattura. Le sue acque sature di carbonati fanno il resto, trasformando la vittima in una statua di sale

Si trova nella zona nord della Tanzania, nella Rift Valley dell’Africa, a 600 metri di altezza. Il lago Natron tocca appena i tre metri di profondità, ma ha le acque di un aspetto particolare: sono di un rosso scuro, solcate da striature biancastre.
La fama del lago Natron, però, è legata a un altro aspetto che – se vogliamo – è allo stesso tempo macabra e affascinante: come la Medusa degli antichi miti greci, cattura le sue prede e le trasforma in pietra.

Si tratta naturalmente di una descrizione romanzata, ma è in questa forma che sta circolando per il web da qualche tempo. In realtà esiste una semplice spiegazione chimica, legata alla composizione delle acque.
Prima di tutto, le creature che vi cadono dentro – sempre animali e per lo più uccelli del posto, che vanno incautamente a immergersi – non vengono trasformati in pietra: subiscono invece una sorta di mummificazione.

Lago Natron - Superficie rossastra

La superficie rossastra del lago Natron è dovuto alla presenza di cianobatteri (1)

Lago Natron - Superficie rossa con striature biancastre

Dettaglio della superficie del lago Natron. Le striature biancastre sono depositi di sali (2)

Il colore rosso scuro del lago è dovuto alla presenza di piccoli batteri chiamati “cianobatteri”, che proliferano nelle acque grazie all’alto livello di salinità. Durante la stagione secca, infatti, l’acqua evapora così tanto che i carbonati presenti vanno ad accumularsi (le striature biancastre in superficie sono, appunto, sali “fermentati”). Nello specifico, si tratta di carbonato idrato di sodio, che gli antichi Egizi erano soliti usare per la mummificazione.
La causa di questa concentrazione di sali è la cenere proveniente dal vicino vulcano Ol Doinyo. La sua alcalinità porta il lago ad avere un grado di acidità (PH) pari a 9. Ma c’è anche un’altra condizione estrema da sopportare: la temperatura dell’acqua tocca spesso i 40°C.

In questo ambiente, l’acqua è imbevibile e altamente corrosiva per la pelle. Ecco perché quasi nessuna creatura, batteri esclusi, riesce a sopravvivere.
Quando un animale entra in contatto con il lago, alla morte il suo corpo viene calcificato e si indurisce nella posizione in cui si trova, dandogli il perenne aspetto di una statua.
Ma perché gli uccelli finiscono a volte in quel miasma naturale? La colpa sembra essere del forte riflesso provocato dai raggi del sole sulle acque, che confondono la loro vista.

La conseguenza è che il lago Natron si è trasformato in un museo di “statue naturali”.

Una curiosità: in precedenza ho affermato che “quasi” nessuna creatura è capace di sopravvivere in questo ambiente. A parte il tilapia alcalina, un pesce endemico, esiste infatti una sola specie animale che si è adattata perfettamente alle pericolose acque del lago Natron, ed è il fenicottero rosa. Le sue zampe e il suo becco hanno uno strato corneo che gli concede una particolare protezione.
Anche se, come potete notare dalle immagini, anche i fenicotteri ogni tanto restano vittime del «fascino della Gorgone».

Lago Natron - Fenicottero

Un fenicottero caduto preda dell’ammaliamento del lago Natron

Lago Natron - Aquila

Un’aquila reale immortalata per sempre nella sua posa più maestosa

Lago Natron - Bufalo

Una suggestiva immagine, dove un intero bufalo si rispecchia sulla superficie

Lago Natron - Corvo

Se il corvo è la creatura per eccellenza dei luoghi spettrali, nel lago Natron ha trovato senz’altro un posto adatto

Lago Natron - Rondine

La rondine pronta a spiccare il volo

Fonti esterne

Articolo su National Geographic

Articolo su Your Daily Media

Copyright immagini

Le foto degli animali statuari provengono dal libro “Nella terra ferita” di Nick Brandt

(1) http://www.businessinsider.com.au/the-most-surreal-landscapes-on-earth-2013-7
(2) http://xdesktopwallpapers.com/soda-formations-on-the-surface-of-lake-natron-5812.php

Etichette
Etichette:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.