9 – recensione: al confine tra tecnologia e spiritismo

9 - locandina

Locandina

Chi ha visto le precedenti creazioni di Tim Burton, come La sposa cadavere del 2005 e Alice in Wonderland del 2010, si rende subito conto che 9 è imbevuto dal primo all’ultimo minuto dello stesso stile: atmosfere in parte cupe, sicuramente desolate e con una sorta di malinconia sospesa. E con qualche metafora e significato nascosti. Non a caso la sua uscita in America è stata il 9 settembre 2009 (9/9/09).
Sia chiaro: non è interamente farina del sacco di Tim Burton. Deriva da un cortometraggio del 2005 di Shane Acker (il regista del film) che aveva lo stesso titolo e che nel 2006 fu nominato al premio oscar. Il merito di Burton è stato di riscoprirlo e di metterci lo zampino.

La trama di questo film si descrive in poche parole, ma per capirlo fino in fondo bisogna scendere un attimo nei dettagli.
L’ambientazione è post-apocalittica, in un periodo in cui l’uomo ha esagerato con l’uso della tecnologia (che naturalmente ha impiegato in ambito militare) e ha scatenato un’intelligenza artificiale che non è riuscito a gestire. L’egoismo umano è reso con la solita crudezza di molti altri film, ma qui il regista Shane Acker non calca troppo la mano: la mostra in pochi fotogrammi, come se fosse un’emozione inevitabile, e tratta l’uomo come se fosse un automa che non può controllare i suoi istinti.


Dopotutto i protagonisti e veri contenitori di sentimenti sono i nove pupazzi da cui viene preso il titolo. Lo scienziato che li ha creati è lo stesso che ha dato vita al robot da dove è poi partita l’apocalisse. Mentre quest’ultimo è l’espressione del suo cervello, nei pupazzi ha infuso frammenti della sua anima. Come dire, una lotta interna tra la razionalità e la morale.
Io vedo un chiaro riferimento a Albert Einstein e alla bomba atomica: un genio che crea qualcosa di straordinario per fini utili ma che impiega come arma, e il suo desiderio di riscattarsi per avere involontariamente provocato una catastrofe. Per rubare le parole allo stesso Einstein: «Non so come verrà combattuta la terza guerra mondiale, ma la quarta verrà combattuta con i sassi e con le pietre».

E infatti di sassi e pietre si tratta. La tecnologia è scomparsa, l’uomo anche, e le uniche forma di vita coscienti sembrano essere il robot distruttore e le bambole di pezza. Ognuna ha una propria personalità e viene chiamata con il numero che la caratterizza. Ognuna, inoltre, rappresenta un aspetto dell’anima che lo scienziato ha infuso in loro poco prima della sua morte.

9 - immagine del film

In ordine: 5, 9, 3 e 4

1 è il più anziano e leader imposto del gruppo, ossessionato dal bisogno di nascondere se stesso e i suoi compagni dalla “bestia” meccanica. E’ testardo, irritabile e non accetta idee diverse dalle proprie.
Si avvale dell’energico 8 per imporsi. La forza enorme compensa la mancanza di intelligenza, e ben si associa all’ottusità di 1.

2 è l’inventore, la parte più attiva e pragmatica del professore. Shane Acker l’ha definito “un vecchio lupo di mare”. Si contrappone probabilmente a 6, un apparente pazzo che trascorre il tempo a dipingere un simbolo misterioso, lato più artistico che vede il mondo sotto un punto di vista diverso rispetto ai compagni.

3 e 4, i pupazzi gemelli, sono degli archivisti e catturano ogni particolare, ma non hanno il dono della parola. Sono la curiosità e il mistero tipici di uno scienziato.

5 è il curatore. Cieco di un occhio, ha un carattere remissivo, renitente e leale. E’ la fede dello scienziato.

7, la parte femminile e più dinamica dell’anima, darà una smossa alla paura e permetterà al gruppo di uscire dal suo bozzolo. Rappresenta il coraggio, la tenacia, e per contrasto anche il lato femminile che ogni uomo possiede.

Infine c’è 9. Ultimo della serie, ha avuto l’onere di iniziare la rivoluzione contro la macchina e di spingere i suoi compagni ad avere dei dubbi sullo scopo della loro esistenza. E’ l’umanità dello scienziato, disposto a mettere a repentaglio la sua esistenza pur di conoscere il significato della vita e il suo scopo.

Per quanto la trama di base non sia innovativa, vale la pena di vedere questo film tanto per l’atmosfera (se si è amanti del genere) quanto per le domande inespresse che lascia sulla punta della lingua.
Niente di complicato, ma è dal semplice che vengono fuori i maggiori capolavori.

SCHEDA RIASSUNTIVA

Ambientazione
Spoglia e dai colori uniformi, rende bene l’idea di desolazione e di mancanza. Suggestiva e inquietante l’immagine della bambola gigante lasciata nell’abbandono.

Sonoro:
La musica spesso assente aumenta il senso di realismo e permette di avvertire meglio i rumori dell’ambiente.

Trama:
L’idea del mondo post-apocalittico è abusata. Più particolare è la storia delle bambole viste come frammenti dell’anima di uno scienziato ormai scomparso.

Cast:
La costruzione interamente digitale dei pupazzi è perfetta. Anche la traduzione italiana è ben riuscita.

Valutazione complessiva: 7/10

Link esterni

cortometraggio originale del 2005 (in inglese)

sito ufficiale
galleria fotografica

recensione su Thinkcreative (con visione diretta del cortometraggio originale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *