segui la pagina su Facebook!

Continente

Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
Pioggia di Fuoco - Copertina
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schier...vedi tutto
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
 

Descrizione

Il Continente è un'enorme estensione di terra circondata da oceani, l'unica conosciuta dagli esseri umani durante il periodo tardo della Quarta Era.

Al suo interno comprende i numerosi regni degli uomini (a est) e le Terre Selvagge (a ovest).

 

Nomi attribuiti

Il nome «Continente» è stato dato dagli uomini stessi per comprendere quelle regioni raggiungibili e abitate dai popoli civilizzati da loro conosciuti. Le altre terre al di là degli oceani sono ritenute irraggiungibili oppure inesistenti, spesso un mito raccontato dalle generazioni passate.

Nella Quinta Era il suo nome ufficiale sarà cambiato in Terre Antiche, ma gli uomini che abitano i regni continueranno a indicarlo con il nome generico di «continente».

 

Possesso e autorità

Il Continente è stato in rari casi sotto il dominio "ufficiale" di un solo impero (comunque non riconosciuto da tutti i popoli). Per gran parte del tempo ha visto succedersi numerosi regni, popoli liberi o terre abitate da creature di passaggio.

 

Storia e origine

Il Continente ha subito pesanti modifiche naturali nel corso di pochi secoli. All'inizio della Quinta Era la sua superficie è cambiata così radicalmente da essere diventata irriconoscibile agli uomini stessi che la abitavano da generazioni. Le vicende nella storia, tra l'altro, hanno portato gli esseri umani a ritirarsi nell'estremo est e ad isolarsi dal resto del continente: la zona a ovest, ben più grande, è diventata un'area quasi del tutto sconosciuta e avvolta dal mistero.

Di conseguenza, nella Quinta Era l'enorme territorio circondato dagli oceani ha assunto il nuovo nome di Terre Antiche, che richiama appieno il senso di nostalgia dei popoli umani verso il loro lontano passato.

Categorie: Natura
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era