segui la pagina su Facebook!

Delfino d'ambra

Pioggia di Fuoco - Copertina
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schier...vedi tutto
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
 

Descrizione

Il delfino d'ambra è un animale che abita i mari durante il Tempo dei Sogni.

 

Aspetto e carattere

La struttura del corpo ricorda quella di un delfino comune, ma il suo aspetto è in realtà più deforme.

Il loro aspetto era piuttosto spaventoso: avevano quattro paia di occhi, erano grossi quanto il tronco di una quercia e sul cranio tenevano un corno d'avorio che pareva costruito per intimorire e speronare i predatori più grandi.

Descrizione tratta da All'Inizio del Tempo

È un animale di grande intelligenza e profondamente fedele quando si lega a qualcuno.

 

Linguaggio

I delfini d'ambra comunicano tra loro attraverso dei segnali luminosi, dorati, emessi da sotto la cute.

Si muovevano in gruppo simili a uno stormo di uccelli e a turno illuminavano la loro pelle con un bagliore dorato; il delfino che seguiva rispondeva emettendo a sua volta un lampo, sempre dorato. I baleni avevano intensità e durate diverse, una sorta di messaggio segreto che nessun altro sapeva interpretare.

Descrizione tratta da All'Inizio del Tempo
 

Habitat

Abita i mari che vanno dalla terra del sud a quella dell'ovest, anche se non si esclude che nuoti in un po' tutte le coste.

Libri da leggere: All'Inizio del Tempo
Categorie: Creature
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Tempo dei Sogni