segui la pagina su Facebook!

Fotocristallo

La Colonia Fantasma - Copertina
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di...vedi tutto
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
 

Descrizione

Il fotocristallo è un cristallo poliedrico delle dimensioni di circa 50 attometri creato dall'Onnimente.

 

Aspetto e funzionalità

Era un cristallo con una decina di facce e la sua intera superficie continuava a muoversi come se fosse fluida.

Descrizione tratta da Tracce nella Rete

Il fotocristallo ha dimensioni minuscole, tanto da renderlo invisibile all'occhio umano e da richiedere l'uso di un'adeguata strumentazione per lo studio superficiale. Ha due proprietà fondamentali:

  • riesce a cambiare di stato, modificando alcune leggi di frequenza;
  • si lega a una fonte di energia già esistente e funge da innesco per liberarla in un'unica esplosione.

Il cristallo è una forma di energia zero quasi allo stato puro e presenta una solidità minima. Se si lega a una fonte di energia esterna, mantiene il legame anche quando viene allontanato, indipendentemente dalla distanza che li separa. Inoltre, il cristallo stesso si surriscalda fino a raggiungere temperature anche superiori ai 100 000 °C. Il surriscaldamento sembra essere necessario al fotocristallo per mantenere il legame con la fonte di energia. Il motivo non è chiaro, visto che non si conoscono le sue proprietà fino in fondo, ma sono state avanzate delle ipotesi: è probabile che tenti di copiare in parte la fonte di energia a cui è legato, quindi più l'energia della fonte è alta e maggiore è la temperatura del fotocristallo; un'altra ipotesi indica che il cristallo deve continuare ad adattarsi per manentere il legame e quindi deve consumare di continuo una spropositata energia interna.

Resta un fatto che il fotocristallo contenga al suo interno una forma pura di energia zero. È facile da dimostrare, perché è sufficiente avvicinare il cristallo a un comune elettrodomestico che sfrutti l'energia zero e si ha subito una risposta: il fotocristallo emette una frequenza della durata di 42 femtosecondi e poi si addormenta. Sembra quindi che reagisca a tutte le fonti di energia zero, ma che si leghi soltanto a quelle che superano una certa soglia quantitativa.

In genere l'energia zero richiede dei contenitori particolari per essere contenuta, come per esempio i generatori zero, che sono composti da diversi materiale concentrici con solidità sempre maggiore per isolarsi dall'ambiente esterno e impedire il collasso. Il fotocristallo rappresenta un'anomalia, perché grazie alla sua proprietà riesce ad adattare la struttura e la solidità per impedirsi di collassare. È quindi un perfetto contenitore di energia zero, che può sfruttare per adattarsi ai cambiamenti.

 

Storia e creazione

 

I primi ritrovamenti

Il primo fotocristallo fu trovato casualmente su Encelado verso la fine dell'anno 4:17353 (7353 d.C.). Durante un'operazione di scavo per estendere una città lungo i sotterranei è stato rinvenuto un insetto sconosciuto, inviato nei giorni seguenti in laboratorio a scopo di studio; insieme all'insetto, le analisi hanno rilevato la presenza del cristallo. L'OPRAS fu incaricata subito di studiare le proprietà e stilò un'analisi preliminare sui possibili rischi del cristallo. I ricercatori per il rischio alzarono il livello di minaccia non appena si accorsero che il cristallo era in grado di legarsi a fonti di energie ragguardevoli (per esempio, a un generatore zero) e che era potenzialmente in grado di farle detonare a distanza, liberando il loro intero potenziale.

 

L'esplosione dei fotocristalli

Sin da subito, gli studiosi non furono in grado di appurare se i fotocristalli fossero stati creati dall'Onnimente o dall'Oracolo. In seguito, quando due fotocristalli innescarono la distruzione della città di Zafasmuri, l'Onnimente fece ricadere la colpa sull'Oracolo.

La robumana [dell'Onnimente] aveva i palmi aperti davanti a lei, rivolti verso l'alto. Su ognuno era appoggiato un nucleo poliedrico invisibile all'occhio umano, del diametro di cinquanta attometri. Gli scienziati che lo avevano studiato lo chiamavano fotocristallo. Erano legati a due generatori zero presenti in città e Shindra li aveva attivati da pochi minuti. Il processo era irreversibile. Quando i fotocristalli si attivavano, la tecnologia collegata avrebbe continuato a risucchiare quanta più energia possibile, fino a esplodere.

Descrizione tratta da Terra Bruciata
 

Fonti esterne di approfondimento

Questa sezione raccoglie libri, articoli e link a siti web esterni che permettono di approfondire l'argomento trattato nella pagina. Rappresentano un punto di partenza per una ricerca essenziale e non hanno la pretesa di offrire una descrizione completa. Tieni presente che non esistono controlli di esistenza dei link esterni. Se la destinazione non dovesse essere raggiungibile o se noti che l'argomento di destinazione non è pertinente, segnala il problema in modo da permettere agli amministratori di aggiornare la pagina (grazie).

Wikipedia - Ordini di grandezza (lunghezza), tra cui l'attometro. La pagina è stata consultata per l'ultima volta a: agosto 2022.

Libri da leggere: Terra Bruciata | Tracce nella Rete
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era