segui la pagina su Facebook!

Epoca delle Colonie

Il Sinkal - Copertina
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, s...vedi tutto
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
 

Introduzione

 

La colonizzazione degli arcansi

È nell'Epoca delle Colonie che si definisce il genere Homo. È difficile dire se gli esseri umani si siano distaccati dai primati grazie all'evoluzione naturale o sotto una spinta artificiale, perché nel 6.000.000 a.C. gli arcansi si intromettono e avviano un esperimento per accelerare la formazione della vita civilizzata sul pianeta Gea. Loro stessi non saranno mai certi di essere stati la causa di questa fortunata separazione.

Da questo momento in poi non seguono eventi di particolare importanza, fino all'anno 445.000 a.C., quando gli arcansi si dividono in due gruppi: una parte (più numerosa) abbandona il pianeta, anche in vista di un imminente periodo glaciale, e prosegue nell'esplorazione spaziale in cerca di mondi da colonizzare; un'altra parte resta su Gea, con l'intenzione di iniziare una serie massiccia di costruzioni e di controllare l'evoluzione del genere Homo.

La fazione rimasta sul pianeta dà l'avvio alla fondazione di città e di regni, che con il trascorrere del tempo finiscono spesso per lottare tra loro nella cerca di domini e di risorse. Gli ominidi ancora primitivi vengono usati sin da subito come forza lavoro, ma quando cominciano a mostrare segni di intelligenza gli arcansi capiscono di trovarsi davanti un nuovo tipo di specie: il Sapiens. Di comune accordo, cercano di impartire un'istruzione di base agli ominidi, che però fallisce miseramente. L'evoluzione dei Sapiens è ancora incompleta.

 

Datazione

 

Periodi di riferimento e timeline

[Calendario CE] Da 3:0 a 3:5889999

[Calendario GB] Da 6.000.000 a.C. a 110.001 a.C.

Apri la timeline dell'epoca

 

Fondazione dell'epoca

L'anno 6.000.000 a.C. è stato scelto per convenzione come data in cui i progenitori del genere Homo hanno posto le basi per arrivare a una specie di umani civilizzati. Si tratta di una data simbolica, visto che non è possibile stabilire una netta linea di separazione tra la condizione primitiva e civile degli uomini.

 

Magia

La magia che era di facile accesso nell'epoca precedente è andata progressivamente a diminuire, fino a scomparire quasi del tutto nell'Epoca delle Colonie. Gli arcansi riescono ancora a richiamare alcuni incantesimi, ma in genere lo fanno con grande difficoltà. Anche gli oggetti magici hanno perso buona parte delle loro proprietà e solo i più potenti continuano a funzionare senza alterazioni.

La trama magica si ristabilirà soltanto nel corso della successiva epoca.

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
GB
6.000.000 a.C.
110.001 a.C.
Categorie: Cronologia
Ere in cui compare: Terza Era