segui la pagina su Facebook!

Gea [P1]

nomi legati : Mondo B
Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
All'Inizio del Tempo - Copertina
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni ...vedi tutto
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
Per informazioni sulla nomenclatura usata per gli oggetti astronomici, vedi la pagina astronomia dell'Universo Specchio.
 

Descrizione

Gea (nome ufficiale: P1) è un pianeta che appartiene al sistema Solare. I suoi abitanti sono chiamati terrestri.

 

Il pianeta gemello

È un pianeta quasi del tutto identico alla nostra Terra (che risiede nell'Universo Terrestre) e che si è evoluto in un universo diverso da quest'ultimo, l'Universo Specchio. I due pianeti sono simili dal punto di vista delle caratteristiche e per quanto riguarda la prima parte della storia cronologica.

Il nome di «Gea» è usato soltanto all'interno dell'ambientazione di Terre Infinite per distinguerlo dal pianeta gemello; ma i suoi abitanti si definiscono con il nome di terrestri e chiamano il proprio pianeta Terra.

 

Storia

 

Formazione del pianeta

Una parte dei frammenti che si sono staccati dal pianeta Verestallia si è aggregata a formare, con il tempo, il pianeta Gea.

Il protopianeta così formato è inizialmente bombardato da meteoriti e comete di ghiaccio, che contribuiscono a creare gli oceani e le acque in generale. Nel corso dei millenni successivi alla sua formazione, il nucleo è così caldo da fondere gli elementi metallici più pesanti (i «siderofili»), che essendo allo stato liquido vanno a sprofondare al centro del pianeta in un fenomeno chiamato «catastrofe del ferro».

Entro i successivi 10 milioni di anni, si crea un rozzo mantello e un nucleo primitivo composto di ferro. Quest'ultimo darà origine al campo geomagnetico del pianeta.

In seguito, il pianeta raggiunge un raggio di circa 2 500 km e ha un'attrazione gravitazionale sufficiente per trattenere l'acqua e l'atmosfera. La nube di silice, che è sottoforma di gas, si condensa in roccia.

 

Passaggio di Theia

Durante la formazione del pianeta e nei suoi milioni di anni successivi, Theia (l'enorme astronave degli arcansi) passa numerose altre volte vicino a Gea. È una traiettoria costretta per potersi avvicinare il più possibile alla stella (il Sole) senza scontrarsi con gli altri pianeti e detriti vaganti.

A ogni suo passaggio, la forza di attrazione provoca dei disastri sul pianeta, che vanno ad aggiungersi ai sommovimenti naturali già presenti in fase di formazione. In ogni caso, gli arcansi non hanno la possibilità di approdare su un pianeta ancora instabile e invivibile.

 

Il primo guscio planetario

Nel 4:12848 (2848 d.C.) Gea completa il suo primo guscio planetario, a scopo soprattutto difensivo. Nel frattempo, porta avanti un piano per la costruzione in contemporanea di gusci planetari multipli.

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
CE
 
GB
4.540.000.000 a.C.
 
 
Formazione di Gea
 
Universi di appartenenza: Universo Specchio