segui la pagina su Facebook!

Keleron

La Colonia Fantasma - Copertina
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di...vedi tutto
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
 

Descrizione

Keleron è la capitale dell'impero di Kerastra ed è la città dove risiede l'imperatore. Alla caduta di Kerastra, è rimasto la capitale del Regno Libero che è andato a sostituirlo.

È la città con gli edifici più alti di tutto l'impero. Dotata di una cinta muraria alta e robusta, permette la sorveglianza a un grande numero di soldati, che in tempi di guerra ricoprono i camminatoi.

 

Edifici e luoghi interni

 

Il castello dell'imperatore

Il castello regale, un tempo ricco e fastoso, è diventato piuttosto lugubre e mal tenuto durante la Guerra dei Popoli, a causa delle spese militari sempre più ingenti. I segni della vecchia magnificenza restano visibili più che altro all'esterno, nel viale che conduce verso il mastio.

Il viale che portava all'ingresso era sorvegliato da statue alte tre volte un uomo. Erano soldati in armatura che infilzavano con lance e spade le creature che gli uomini giudicavano pericolose o temibili: satiri, unicorni neri, nani, barlang. In un'effige si vedeva un milite dai muscoli scolpiti tenere a bada un elfo atterrito e una ninfa con la corda al collo.
[...] L'aspetto ricco del palazzo, all'esterno, era solo uno specchietto per le allodole, necessario a dimostrare al popolo che Kerastra viveva e prosperava come sempre aveva fatto. L'interno era in realtà spoglio di armature, ornato di pochi quadri, invaso agli angoli dalle ragnatele, con candelabri spenti e nessuna ancella che passeggiava tra gli androni. La guerra aveva prosciugato ogni risorsa disponibile.

Descrizione tratta da Il Sinkal

L'imperatore riceve gli ospiti all'interno del mastio, o palazzo centrale, seduto sul trono della sala regale. La stanza è protetta da guardie armate e il visitatore deve parlare da una specifica distanza rispetto al trono. Nella sala, infatti, sono presenti quattro linee di diverso colore, che corrispondono al limite di avvicinamento a seconda del rango del visitatore e della fiducia che gode davanti all'imperatore.

La sala del trono era uno stanzone enorme. Delle colonne attorcigliate la sostenevano sui lati e da ognuna delle otto finestre filtrava la luce esterna [...]. Almeno una decina di guardie proteggeva ogni parete e dodici arcieri erano disposti tra loro, con gli archi rilassati ma pronti a sollevarsi al minimo cenno di pericolo.
Sul pavimento di pietra erano disegnate con la vernice quattro linee di colori diversi: nell'ordine verde, azzurra, rossa e nera. Il trono dove sedeva il re era in fondo allo stanzone, sopra un piedistallo rialzato.

Descrizione tratta da Il Sinkal

La linea verde è destinata ai visitatori occasionali ed è disegnata subito dopo i portoni d'ingresso La linea azzurra viene raggiunta da uomini che si sono distinti per meriti particolari, per coraggio o per nobili azioni. La linea rossa è riservata a persone di cui l'imperatore ripone fiducia, ma che non desidera far entrare nella sua intimità personale. L'ultima riga, quella nera, è attraversata in rarissime circostanze ed è dedicata esclusivamente a una ristrettissima cerchia scelta dall'imperatore.

 

L'arena del Primo Sole

L'arena del Primo Sole è una vasta area artificiale capace di contenere «gli abitanti di un paese intero». Il numero è quindi impreciso, ma considerando la densità media del periodo è probabile che sia in grado di contenere attorno alle cinquemila persone.

La sua costruzione è stata iniziata tre dinastie prima di quella di Wintar Ferlagor e successivamente si è allargata e migliorata per poter contenere un numero sempre maggiore di partecipanti. L'arena accoglie spettacoli di vario genere, combattimenti legalizzati, artisti girovaghi e mercati regolarizzati.

In questa arena, durante il giorno del Drago (corrispondente al 3 novembre), l'imperatore di Kerastra intrattiene la folla con prove di forza, di astuzia e di coraggio.

 

Storia e origine

Keleron è stata sin dall'inizio la capitale dell'impero ed esiste dal momento in cui Kerastra è stata fondata.

 

Date importanti

 

Eventi collegati

La datazione rientra nell'arco di tempo descritto in queste pagine:

Libri da leggere: Il Sinkal
Categorie: Città
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quinta Era