segui la pagina su Facebook!

Motore ad antimateria

Pioggia di Fuoco - Copertina
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schier...vedi tutto
« La battaglia per la conquista di Nuova Alba arriva all'epilogo. I savariani e le colonie si affrontano per il possesso del primo pianeta artificiale della storia. Il piano per spingere le colonie a lottare tra loro ha avuto successo e i savariani escono per la prima volta allo scoperto, schierando l'intera flotta. Per il popolo alieno si tratta di una questione di sopravvivenza, perché il nucleo del pianeta artificiale può garantire il suo ritorno a casa, ma le colonie non intendono cedere quello che è il simbolo di un'unione e di un progresso senza precedenti. Entrambe le parti mettono in campo le loro armi più potenti e le migliori tecnologie, affrontando per giorni il nemico. La vittoria delle colonie sembra scontata, ma i savariani hanno delle conoscenze nascoste che potrebbero ribaltare le sorti da un momento all'altro. Intanto Conrad, che è stato da sempre al centro della guerra, si ritira dai giochi e dà inizio a un pericoloso progetto personale. La sua idea è di replicare e diffondere le armi aliene tra le colonie per provocare il disordine e, per farlo, rapisce una savariana e la costringe a collaborare. Sarà il gruppo dell'Occhio Spento a intervenire un'ultima volta, entrando nel villaggio dove è tenuta la prigioniera e affrontando le difese per liberarla. Con questo terzo capitolo si conclude il ciclo di Nuova Alba, una space opera ambientata in un lontano futuro dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
 

Descrizione

Il motore ad antimateria è un motore per astronavi realizzato per la prima volta nella tarda Epoca dell'Uomo. È alimentato con l'antimateria, che è costituita dalle antiparticelle: corrispondono per massa alle particelle della materia ordinaria, ma hanno alcuni valori di segno opposto (esempio: la carica elettrica).

 

Aspetto e funzionalità

Al suo esordio, il motore ad antimateria è abbastanza ingombrante e solo nel corso dei secoli successivi diventa sempre più piccolo e leggero. La massa più ingombrante è data dal propellente stoccato.

 

Caratteristiche

 

Propellente

In media richiedono una massa di propellente pari a due volte la massa dell’astronave, per cui la nave deve dotarsi di apposite camere di stoccaggio per contenerlo. L'antimateria è in genere composta da nuclei di anti-idrogeno pesante in forma di plasma rarefatto (perché più facili da contenere magneticamente rispetto a un liquido o a un solido); in seguito si stoccano anche altri anti-atomi. Gli anti-atomi sono conservati in capsule di piombo, dotate internamente di un campo magnetico per contenere la sostanza.

 

Funzionamento

Le capsule di piombo vengono sparate molte volte al secondo all’interno del motore, che apre i contenitori e spegne il campo magnetico. Il motore prende l’anti-atomo e lo scinde in antiprotoni (opposti dei protoni) e positroni (opposti degli elettroni), i quali sono immagazzinati all’interno di campi magnetici interni, in modo che non interagiscano con la materia. Infatti poiché antiprotoni e positroni sono dotati di carica elettrica, il campo magnetico li spinge a muoversi in cerchi di grandezza stabilita all’interno di un contenitore a ciambella, impedendo loro di toccare le pareti. Il motore si occupa infine di creare le reazioni chimiche necessarie per far interagire materia e antimateria in modo sicuro e produrre l'energia di spinta per accelerare.

 

Energia emessa

Facendo collidere un protone e antiprotone si ottiene un picco pari all'energia di quiete del protone, ossia attorno a 1 GeV (giga-elettronvolt). Facendo invece interagire elettroni e positroni, si produce un'energia di radiazione gamma pari a 511 keV, corrispondenti alla massa dell'elettrone.

 

Velocità raggiungibili

Il motore ad antimateria permette di raggiungere una media di 60 000 km/s (1/5 della velocità della luce). Con 17 grammi di antimateria si può percorrere un anno luce in circa 10 anni (da Gea si può raggiungere Alpha Centauri in circa 40 anni e Marte in 45 giorni). L’accelerazione in partenza deve essere graduale per non danneggiare i componenti del razzo; in realtà, poiché nei primi tempi non ci sono umani all’interno, è possibile usare un’accelerazione di diversi g (i materiali la sopportano), ma si richiede comunque un’accelerazione in partenza (e una decelerazione in arrivo) graduale prima di arrivare alla velocità massima, costringendo a sprecare tempo in partenza (e all’arrivo).

 

Sistemi di difesa

Velocità troppo alte portano a possibili collisioni non prevedibili con asteroidi o pulviscolo spaziale. L’impatto a velocità simili sarebbe catastrofico, quindi i razzi sono dotati di laser capaci di liberare il cammino: l’antimateria permette di avere energia a sufficienza per l’uso del laser.

 

Differenze tra i vari motori e nel materiale

L'efficienza del motore fa la differenza in termini di velocità. La materia è convertita in energia sempre con un’efficienza del 100%, ma la quantità di energia prodotta (cioè di collisioni contemporanee di elettroni e positroni) varia a seconda dell'efficienza del motore, portando a spinte maggiori o minori. L’evoluzione dei materiali, che diventano più robusti negli anni, permette di supportare più g in accelerazione, consentendo un viaggio più rapido.

 

Storia e creazione

Il primo motore ad antimateria è installato su un'astronave nel 4:12072 (2072 d.C.). In realtà, in questa prima fase il viaggio umano con astronavi ad antimateria è inattuabile. Occorreranno decenni prima che l’essere umano abbia la possibilità di sfruttarlo per le esplorazioni personali. Al momento è invece usato per l’esplorazione spaziale e garantirà una serie di scoperte senza precedenti, favorendo il terreno per le successive colonizzazioni.

 

Viaggi umani nei decenni seguenti

Nei decenni successivi le astronavi dotate di motore ad antimateria sono usate anche per il trasporto di personale umano. L’accelerazione in partenza deve essere graduale per impedire ai corpi dell’equipaggio il collasso, pari a una progressione di 9,8 m/s fino al raggiungimento dei 60 000 km/s. Le tute avanzate permettono di supportare fino a 2-3 g per lunghi periodi senza conseguenze, ma in ogni caso i tempi di accelerazione in partenza (e decelerazione all’arrivo) sono molto più lunghi rispetto a quelli richiesti da una sonda di esplorazione.

 

Fonti esterne di approfondimento

Questa sezione raccoglie i link alle fonti esterne, cioè a siti web esterni che permettono di approfondire l'argomento trattato nella pagina. I riferimenti esterni rappresentano un punto di partenza per una ricerca e non hanno la pretesa di offrire una descrizione completa. Tieni presente che non esistono controlli di esistenza delle pagine esterne. Se la destinazione non dovesse essere raggiungibile o se noti che l'argomento di destinazione non è pertinente, segnala il problema in modo da permettere agli amministratori di aggiornare la pagina (grazie).

Wikipedia - Introduzione all'antimateria. La pagina è stata consultata per l'ultima volta a: dicembre 2019.

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
CE
 
GB
2.072 d.C.
 
 
Primo motore ad antimateria
 
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era