segui la pagina su Facebook!

Regno di Ikaras

La Colonia Fantasma - Copertina
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di...vedi tutto
« I savariani, un popolo che proviene da una galassia lontana, sono finiti alla deriva nel sistema Solare e per tornare a casa hanno bisogno del nucleo di Nuova Alba, il primo pianeta costruito dagli esseri umani. Per raggiungere l'obiettivo, progettano di mettere le colonie una contro l'altra e di attaccarle una volta che si saranno indebolite. Dopo anni di preparazione, i ribelli stanno per iniziare l'ultima parte del piano per screditare la Terra e metterla contro le altre colonie. Intanto, i savariani schierano la flotta per colpire i punti strategici e mettere in campo le loro tecnologie più potenti. L'unica speranza che può impedire l'inizio della guerra è riposta nell'Occhio Spento, un'organizzazione illegale che sta cercando le prove per smascherare il complotto. Il suo gruppo è formato da elementi scelti per le capacità fuori dal comune, come Max, un mercenario specializzato nella raccolta delle informazioni, e la giovane Yè, una donna trapiantata nel corpo di una mutante che può uccidere gli uomini senza toccarli. Il gruppo sarà aiutato da un robot dotato di una personalità umana e da Nia Havock, un'agente che indossa l'armatura militare più avanzata sul mercato. Ma tutte le risorse insieme potrebbero non bastare. Quando i terroristi attaccano la Terra e i savariani sparano il primo colpo, la situazione precipita in un attimo. »
 

Descrizione

Il Regno di Ikaras è un nome generico assegnato al regno che ha abitato l'isola di Ikaras. Il vero nome del regno, infatti, è sconosciuto e su di esso si hanno pochissimi particolari a disposizione.

 

Capitale

Anche della capitale del regno si hanno poche notizie, ma i residui rimasti dopo secoli dalla sua caduta ci disegnano un quadro che si può parzialmente ricostruire.

La città deve essere circondata interamente da una cinta muraria, tuttavia piuttosto bassa per rappresentare una vera difesa. Il cuore centrale, dove sorge l'edificio dedicato al regnante (probabilmente un castello), comprende una serie di strutture tipiche del medioevo: fucine, stalle per animali addomesticati, scuderie, locande.

 

Geografia

Il regno ha senz'altro il mare come punto di forza, perché costringe un eventuale nemico a scoprirsi in anticipo e a rinunciare a qualsiasi strategia a sorpresa. È logico immaginare che il Regno di Ikaras sia dotato di fari e vedette fisse, poste a controllare costantemente i mari. Il mare, inoltre, garantisce la sussistenza data dal pescaggio.

Per quanto riguarda il territorio, la presenza di una folta foresta mette a disposizione legname in abbondanza. L'isola è comunque piccola e la sua desertificazione potrebbe essere una conseguenza del disboscamento intensivo da parte degli abitanti.

 

Storia e origine

La datazione precisa della fondazione e della caduta del regno è sconosciuta, ma è probabile che siano avvenute entrambe durante la Quinta Era.

 

La Guerra dei Popoli

Le strutture tipicamente medievali sono uno dei segni che dimostrano l'appartenza del regno a un tempo non molto precedente alla Guerra dei Popoli.

In seguito alla morte dell'amato, il Condottiero, che è stato costretto a entrare in battaglia su ordine del re, la druida Farivahin ha scagliato sull'intera isola un'orribile maledizione. Gli abitanti sono stati trasformati in spettri, costretti a ripetere all'infinito le azioni che stavano eseguendo nel giorno della maledizione.

Il mito che gravita tra i popoli offre una visione un po' distorta della vicenda, ma che rende l'idea di cosa successe:

Secondo le storie degli stregoni, fu il re ad attirare la maledizione sul palazzo e sulla propria gente: aveva offeso gli déi bestemmiandoli per una battaglia persa e dopo poco tempo un uomo con abiti cenciosi e un bastone contorto aveva bussato alla sua porta. Troppo tardi il re aveva riconosciuto in quell'uomo uno tra i druidi più anziani del continente. Il druido, con un terribile sortilegio, aveva dannato il palazzo e il suo popolo rendendoli schiavi per l'eternità di una condizione tra la vita e la morte.
[...] Il punitore inviato dagli déi [ndr: il druido] non aveva mai abbandonato il palazzo dal giorno della maledizione, perché quando avesse scelto di andarsene il sortilegio si sarebbe lentamente sfaldato e la gente condannata sarebbe stata finalmente libera di raggiungere il regno degli spiriti.

Descrizione tratta da Il Sinkal

Ikaras si è lentamente inaridita - probabilmente a causa della maledizione - ed è diventata un luogo desertico. La magia di Farivahin, comunque, ricopre l'isola per intero e dà l'illusione a chiunque la visiti che esista ancora una rigogliosa foresta.

Dopo la maledizione, l'isola è stata visitata raramente e la gente ha cominciato a chiamare il regno decaduto con il nome di Regno degli Spettri.

Libri da leggere: Il Sinkal
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quinta Era