segui la pagina su Facebook!

Enceladico

Tracce nella Rete - Copertina
« Tremila anni dopo la costruzione del primo pianeta artificiale, la specie umana assiste alla nascita dell'Onnimente, una IA cosciente che si separa dall'Oracolo per raggiungere l'indipendenza. Le colonie la valutano subito come una minaccia e tentano con ogni mezzo di distruggerla, per impedire che si sostituisca alla rete e che controlli le loro tecnologie. Potenziano l'Oracolo, lo trasformano in un un'entità aggressiva e gli comandano di attaccare la nuova minaccia. Ma l'Onnimente si dimostra più forte del previsto. Ben presto le colonie si accorgono di trovarsi in un punto di non ritorno, dove l'Oracolo aumenta sempre più la violenza e la sua avversaria risponde con armi incomprensibili. Al centro dell'azione si trova Tiria, che si risveglia in una realtà alternativa dove la battaglia ha già raggiunto il suo apice. È stata l'Onnimente a trascinarla in quel futuro disastroso, per convincere lei e la sua famiglia a collaborare insieme per impedire la catastrofe. Tiria la asseconda, ma il padre Kaled sospetta sin da subito che l'Onnimente stia nascondendo il vero scopo che la spinge a proteggere le colonie a tutti i costi. »
« Tremila anni dopo la costruzione del primo pianeta artificiale, la specie umana assiste alla nascita dell'Onnimente, una IA cosciente che si separa dall'Oracolo per raggiungere l'indipendenza. Le colonie la valutano subito come una minaccia e tentano con ogni mezzo di distruggerla, per impedire c...vedi tutto
« Tremila anni dopo la costruzione del primo pianeta artificiale, la specie umana assiste alla nascita dell'Onnimente, una IA cosciente che si separa dall'Oracolo per raggiungere l'indipendenza. Le colonie la valutano subito come una minaccia e tentano con ogni mezzo di distruggerla, per impedire che si sostituisca alla rete e che controlli le loro tecnologie. Potenziano l'Oracolo, lo trasformano in un un'entità aggressiva e gli comandano di attaccare la nuova minaccia. Ma l'Onnimente si dimostra più forte del previsto. Ben presto le colonie si accorgono di trovarsi in un punto di non ritorno, dove l'Oracolo aumenta sempre più la violenza e la sua avversaria risponde con armi incomprensibili. Al centro dell'azione si trova Tiria, che si risveglia in una realtà alternativa dove la battaglia ha già raggiunto il suo apice. È stata l'Onnimente a trascinarla in quel futuro disastroso, per convincere lei e la sua famiglia a collaborare insieme per impedire la catastrofe. Tiria la asseconda, ma il padre Kaled sospetta sin da subito che l'Onnimente stia nascondendo il vero scopo che la spinge a proteggere le colonie a tutti i costi. »
 

Descrizione

Gli enceladici sono gli abitanti della colonia di Encelado. Si tratta di una popolazione omogenea dal punto di vista economico e politico, mentre il sangue etnico dipende dai componenti che hanno emigrato da Gea nel corso dei secoli.

 

Aspetto e carattere

Dal punto di vista biologico, gli enceladici hanno mantenuto un organismo simile a quello dei terrestri grazie agli ecosistemi artificiali creati sulla superficie. Tuttavia, dopo essere state sottoposte alla bassa gravità della colonia nei primi secoli di insediamento, le generazioni nate su Encelado hanno modificato la loro struttura ossea, che è diventata più fragile, e la muscolatura, che si è adattata per sollevare pesi inferiori ed è quindi molto meno sviluppata rispetto a quella dei terrestri. In seguito la gravità è stata migliorata, avvicinandola a quella terrestre senza però raggiungerla, ma l’impronta genetica della bassa gravità si è tramandata anche nei discendenti.

I nascituri hanno aumentato sensibilmente l'altezza, che mediamente nei trentenni raggiunge i 212 cm, con un picco registrato di 273 cm. Gli occhi sono inoltre più grandi rispetto a quelli dei terrestri e abituati a una luce solare inferiore.

L'allontanamento dai terrestri ha portato i coloni a sviluppare delle caratteristiche peculiari nel comportamento e nei rapporti sociali. Ecco alcuni tipici esempi:

  • «spaccare la pietra» è un modo di dire con diversi significati, che indicano comunque un senso di impotenza. Viene usato spesso con il significato di "mandare giù il rospo", "sopportare senza reagire".
 

Linguaggio

Il sattrico è il linguaggio ufficiale degli enceladici, al quale si accompagna la lingua inglese (diffusa in molte zone) e la lingua universale prevista dalla Legge per la Semplificazione, lo statuto comune a tutte le colonie.

 

Scienze

 

Calendario in uso

Dalla prima colonizzazione di Encelado i calendari ufficiali in uso sono due: il primo si riferisce al normale tempo di rivoluzione di Encelado attorno a Saturno e il secondo è il calendario gregoriano, uno standard usato da tutte le colonie per uniformare il loro tempo. In seguito, la Legge per la Semplificazione ha reso obbligatorio l'introduzione del calendario universale, che comunque non differisce molto dal normale calendario gregoriano. Anche dopo l'introduzione del calendario universale, gli enceladici usano il proprio anno normale per calcolare gli avvenimenti interni, servendosi invece dell’anno UC solo per fatti ufficiali o durante l’interazione con le colonie esterne.

Per quanto riguarda il conteggio del ciclo giorno-notte, gli enceladici hanno sempre mantenuto la durata del giorno di Encelado, che compie una rotazione completa su se stesso in circa 33 ore e 53 minuti. Quindi si sono rifiutati sin da subito di simulare con la luce artificiale la durata di circa 24 ore del giorno di Gea, come invece hanno fatto quasi tutte le altre colonie.

 

Date importanti

 

Eventi collegati

La datazione rientra nell'arco di tempo descritto in queste pagine:

Pagina legate cronologicamente a questa

Categorie: Popoli
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era