segui la pagina su Facebook!

Evoluzione dell'arte e della musica

Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
Il Sinkal - Copertina
« La magia e la spada sono il simbolo di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
« La magia e la spada sono il simbolo di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. ...vedi tutto
« La magia e la spada sono il simbolo di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
 

Introduzione

Questa pagina ripercorre l'evoluzione delle correnti artistiche e musicali durante le epoche delle varie Ere.

 

Quarta Era - Epoca della Tecnologia

 

Periodi di riferimento e timeline

[Calendario CE] Da 4:14411 a 4:17352

[Calendario GB] Da 4.411 d.C. a 7.352 d.C.

Apri la timeline dell'epoca

 

Artisti umani e artisti robotici

Buona parte degli artisti e dei musicisti più influenti di questo periodo sono robot, che si autoproducono le opere e hanno un loro seguito di fan. L'arte e la musica che ne deriva è frutto dell'intelligenza artificiale e spesso va a intaccare più di un senso alla volta; gli introiti finiscono nelle tasche dei proprietari. La qualità delle opere nate dall'intelligenza artificiale è spesso eccellente, ma non riesce ancora a rivaleggiare con le creazioni degli artisti umani più capaci. Il divario creativo tra la mente umana e quella artificiale è ancora evidente, sebbene non facile da definire.

 

Strumenti sensoriali

La musica viaggia spesso su frequenze intra-neuronali, inavvertibili all'esterno, ed è studiata per stimolare particolari emozioni o sensazioni. Nel corso dell'Epoca della Tecnologia, gran parte degli strumenti artistici si fonda su quattro stati base chiamati bianco (abbreviato nel rigo musicale con w), nero (b), bianco-nero (wb) e nero-bianco (bw). Il valore accanto alla Q identifica in quanti modi lo strumento riesce a combinare quei quattro stati. Per esempio, uno strumento 10Q è in grado di riprodurre 410 (cioè 1.048.576) effetti.

Alcuni strumenti musicali del periodo non emettono suoni, ma vibrazioni che vanno a intaccare direttamente la chimica di chi ascolta, suscitando emozioni; in questo caso si parla di «strumento musicale anatomico» e la persona che lo usa viene chiamata «artista anatomico». Tra gli esempi di strumenti dell'epoca si citano il pintogramma e il salforetto.

Universi di appartenenza: Universo Specchio