segui la pagina su Facebook!

Venere [P3]

Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
All'Inizio del Tempo - Copertina
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni ...vedi tutto
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
Per informazioni sulla nomenclatura usata per gli oggetti astronomici, vedi la pagina astronomia dell'Universo Specchio.
 

Descrizione

Venere (nome ufficiale: P3) è un pianeta che appartiene al sistema Solare. I suoi abitanti sono chiamati venusiani.

 

Storia

 

Prima colonizzazione

 

Le città sospese

Per normalizzare l’atmosfera di Venere, che nativamente è troppo densa e sottoposta a una forte radiazione solare, si adottano dei sistemi che richiedono decenni per essere completati. Sfruttando l’alta densità dell’atmosfera, si costruiscono strutture artificiali galleggianti sulle nuvole (chiamate «città sospese»)  e, attaccate sotto di queste, delle abitazioni inizialmente pensate per essere usate come laboratori per gli scienziati. Le città sospese si occupano di proteggere i laboratori dalle radiazioni solari.

Le prime città sospese sono colonizzate nel 4:12492 (2492 d.C.).

 

La normalizzazione dell’atmosfera

Nel 4:12521 (2521 d.C.) le città sospese vengono abbandonate per avviare un processo di normalizzazione dell’atmosfera del pianeta senza mettere in pericolo la vita degli abitanti. A questo punto si avvia un processo complicato:

  • l’atmosfera viene bombardata con idrogeno recuperato dall’esterno (principalmente dai giganti gassosi), permettendo la dissipazione dell’alta anidride carbonica, la diminuzione della pressione atmosferica e la creazione di acqua. I laghi creati sono in seguito parzialmente racchiusi in cupole per essere conservati.
  • contemporaneamente si costruiscono delle cupole locali sopra ai crateri e si sciolgono i ghiacci presenti al loro interno.

Una volta che l’atmosfera comincia a essere meno densa, le città sospese scendono fino al suolo con un sistema automatizzato, preparando la futura venuta dei coloni.

 

Seconda colonizzazione

 

Le città terrestri

Nel 4:12560 (2560 d.C.) l’atmosfera non è ancora del tutto formata, ma la situazione è ritenuta abbastanza sicura per iniziare una vera colonizzazione. Inoltre in questo periodo si sta già testando su Europa la creazione di un guscio planetario, che in caso di successo può essere replicato anche su Venere, trattenendo l’atmosfera nonostante lo scarso campo magnetico senza la necessità di dover continuare a "rinfoltirla".

Le ex città sospese, diventate ormai città terrestri, accolgono i coloni, garantendo loro la protezione dalle radiazioni solari. I laghi prodotti nei crateri e dai bombardamenti di idrogeno forniscono acqua in abbondanza. Mentre le città si allargano, all’esterno l’atmosfera va sempre più normalizzandosi. La vita iniziale dei coloni non è semplice, considerando che non si può uscire allo scoperto senza la tuta, poiché le condizioni sono ancora letali per l’essere umano e il vento solare è massiccio. Le città terrestri tuttavia permettono di controllare la luminosità, mantenendo il passaggio giorno/notte ai livelli terrestri (mentre il giorno venusiano standard è di 243 giorni terrestri).

 

Evoluzione dei gusci planetari

Per approfondire l'argomento:

Il guscio planetario costruito nel 4:12603 (2603 d.C.) ha accelerato l’opera di colonizzazione, permettendo la gestione dell’atmosfera interna, il controllo della luminosità esteso all’intero pianeta e delle temperature, e la protezione dal vento solare, fino a creare un ambiente terrestre nell’arco di pochi decenni.

 

Guscio 1

Completato nel 4:12603 (2603 d.C.). Poiché aveva una struttura primitiva, è stato smontato e ricostruito nel 4:12865 (2865 d.C.).

 

Caratteristiche dei gusci planetari

Venere ha una gravità simile a quella di Gea, per cui i suoi gusci planetari non possiedono una strumentazione gravitazionale.

 

Fonti esterne di approfondimento

Questa sezione raccoglie i link alle fonti esterne, cioè a siti web esterni che permettono di approfondire l'argomento trattato nella pagina. I riferimenti esterni rappresentano un punto di partenza per una ricerca e non hanno la pretesa di offrire una descrizione completa. Tieni presente che non esistono controlli di esistenza delle pagine esterne. Se la destinazione non dovesse essere raggiungibile o se noti che l'argomento di destinazione non è pertinente, segnala il problema in modo da permettere agli amministratori di aggiornare la pagina (grazie).

Definizione di pianeta su Wikipedia

Definizione di pianeta nano su Wikipedia

Wikipedia - Venere

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
CE
 
GB
2.492 d.C.
 
 
Fondazione della prima colonia
 

Pagina legate cronologicamente a questa

Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Seconda Era | Terza Era | Quarta Era | Quinta Era