segui la pagina su Facebook!

Europa [O3]

Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
Legge Massima - Copertina
« Nell'anno 4721 sta per essere inaugurato Nuova Alba, il primo pianeta artificiale costruito dall'uomo. I festeggiamenti per il grande evento sono pronti, ma il clima di sicurezza è minacciato dalle continue rivolte che si fanno ogni giorno più violente. Si mormora della comparsa di una terribile arma caduta in mano ai ribelli, che può modificare le emozioni a piacere e spingere i popoli a protestare contro i governi. La colonia di Europa, satellite di Giove, invia un'ambasciata per avvertire i terrestri, ma viene tradita poco dopo lo sbarco. L’unica superstite è costretta a nascondersi in un mondo sconosciuto e, cacciata a vista, si trova a lottare per sopravvivere e per finire la sua missione. Intanto, nello spazio inesplorato una flotta si sta organizzando per mettere le mani sul pianeta artificiale. Max, un mercenario marziano, viene ingaggiato per fare luce sulla morte di un amico e scopre una fitta trama di segreti e di corruzioni che si espande fino a toccare le alte sfere di Venere, e che rischia di portare le colonie sull'orlo di una guerra. Una space opera intensa che spinge l'immaginazione oltre il futuro dell'uomo, dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
« Nell'anno 4721 sta per essere inaugurato Nuova Alba, il primo pianeta artificiale costruito dall'uomo. I festeggiamenti per il grande evento sono pronti, ma il clima di sicurezza è minacciato dalle continue rivolte che si fanno ogni giorno più violente. Si mormora della comparsa di una terribil...vedi tutto
« Nell'anno 4721 sta per essere inaugurato Nuova Alba, il primo pianeta artificiale costruito dall'uomo. I festeggiamenti per il grande evento sono pronti, ma il clima di sicurezza è minacciato dalle continue rivolte che si fanno ogni giorno più violente. Si mormora della comparsa di una terribile arma caduta in mano ai ribelli, che può modificare le emozioni a piacere e spingere i popoli a protestare contro i governi. La colonia di Europa, satellite di Giove, invia un'ambasciata per avvertire i terrestri, ma viene tradita poco dopo lo sbarco. L’unica superstite è costretta a nascondersi in un mondo sconosciuto e, cacciata a vista, si trova a lottare per sopravvivere e per finire la sua missione. Intanto, nello spazio inesplorato una flotta si sta organizzando per mettere le mani sul pianeta artificiale. Max, un mercenario marziano, viene ingaggiato per fare luce sulla morte di un amico e scopre una fitta trama di segreti e di corruzioni che si espande fino a toccare le alte sfere di Venere, e che rischia di portare le colonie sull'orlo di una guerra. Una space opera intensa che spinge l'immaginazione oltre il futuro dell'uomo, dove la tecnologia avanzata fa da sfondo a metropoli sconfinate, astronavi che si autoriparano e robot costruiti per confondersi tra la gente. »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
Per informazioni sulla nomenclatura usata per gli oggetti astronomici, vedi la pagina astronomia dell'Universo Specchio.
 

Descrizione

Europa (nome ufficiale: O3) è un satellite naturale del pianeta Giove. I suoi abitanti sono chiamati europeani.

 

Storia

 

La prima colonizzazione

Dopo il 4:12492 (2492 d.C.), anno della colonizzazione di Venere, i terrestri predispongono delle missioni per sciogliere i ghiacci di Europa, in modo da creare un'atmosfera sfruttando gli elementi endemici del satellite. I ghiacci sciolti garantiscono l'acqua e un’atmosfera di partenza, che sarà in seguito espansa; qualche anno più tardi si costruiscono le cupole cittadine (già presenti su Gea).

Nel 4:12553 (2553 d.C.) inizia il trasferimento dei primi coloni, che prendono residenza all'interno delle cupole cittadine dove l'atmosfera è del tutto controllabile. Nel 4:12582 (2582 d.C.) è il primo oggetto celeste a dotarsi di un guscio planetario.

La forza di marea esercitata da Giove era un problema da affrontare non indifferente per le attività, anche considerando la pressione esercitata dai geyser contro il guscio planetario. In seguito alla terraformazione e alla creazione di un’atmosfera, comunque, l’acqua sotterranea è stata deviata in bacini superficiali, per cui il fenomeno dei geyser è cessato grandualmente.

 

Una tecnologia e un'economia ridotte

Come gran parte delle colonie che hanno sottoscritto la Legge per la Semplificazione, lo statuto comune a tutti i popoli, Europa è costretto a sottostare sin dalla fondazione ad alcune regole penalizzanti sul campo economico e politico, ricevendo in cambio la tecnologia e la scienza avanzata di Gea. Per molte colonie questo tipo di accordo non rappresenta un grosso ostacolo al progresso, ma l'economia di Europa non riuscirà mai a crescere oltre una certa soglia. Questo problema va a coinvolgere il progresso tecnologico, che è rimasto sotto al livello medio della galassia. La differenza rispetto allo sviluppo di Gea è evidente sotto vari punti di vista. Per esempio, le città più grandi raggiungono le dimensioni di una città media terrestre.

 

Evoluzione dei gusci planetari

Per approfondire l'argomento:

Europa è la prima colonia a implementare il guscio planetario, aprendo la strada a tutte le presenti e successive colonie del sistema Solare.

 

Guscio 1

Completato nel 4:12582 (2582 d.C.), ha un’altezza di 5 km (considerando che la colonia non ha rilievi imponenti). Questo primo guscio ha una struttura primitiva, è molto spesso, perciò nel 4:12847 (2847 d.C.) viene smontato e ricostruito a un’altezza di 6 km; il nuovo guscio è più innovativo, leggero e resistente, dotato di strumentazione gravitazionale. Europa è la prima colonia ad aver ricostruito il suo guscio interno, dotandolo di una strumentazione gravitazionale.

 

Guscio 2

Completato nel 4:12861 (2861 d.C.).

 

Guscio 3

Completato nel 4:12864 (2864 d.C.). La sua costruzione è avvenuta in parallelo con il guscio 2.

 

Caratteristiche dei gusci planetari

Poiché Europa riceve un livello di radiazioni capace di uccidere l'essere umano in un solo giorno (5 400 mSv al giorno, pari a 540 rem), i gusci planetari sono costruiti in un materiale adatto a proteggere la superficie.

L’accelerazione gravitazionale in superficie è pari a 7,562 m/s2 (0,77 g). La gravità è mantenuta su questo valore dalla strumentazione gravitazionale del guscio 1.

 

Fonti esterne di approfondimento

Questa sezione raccoglie i link alle fonti esterne, cioè a siti web esterni che permettono di approfondire l'argomento trattato nella pagina. I riferimenti esterni rappresentano un punto di partenza per una ricerca e non hanno la pretesa di offrire una descrizione completa. Tieni presente che non esistono controlli di esistenza delle pagine esterne. Se la destinazione non dovesse essere raggiungibile o se noti che l'argomento di destinazione non è pertinente, segnala il problema in modo da permettere agli amministratori di aggiornare la pagina (grazie).

Definizione di satellite naturale su Wikipedia

Wikipedia - Europa, satellite naturale di Giove

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
CE
 
GB
2.553 d.C.
 
 
Fondazione della prima colonia
 

Pagina legate cronologicamente a questa

Categorie: Satelliti naturali
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Prima Era | Seconda Era | Terza Era | Quarta Era | Quinta Era