Grandine a Novosibirsk sul fiume Ob
Il 12 luglio 2014 Novosibirsk, città della Siberia, è stata colpita da una violenta grandinata, con chicchi grandi come arance. La causa è un’insolita ondata di calore [@01]

Quest’anno l’estate in Italia ha avuto degli alti e bassi, con giorni di caldo afoso e periodi di pioggia abbondanti. Direi che chiunque di noi si è accorto di come il clima si stia modificando negli ultimi anni.
Portando la mia esperienza personale nel nord Italia, soltanto negli ultimi tre mesi mi sono ritrovato in superstrada sotto una pioggia torrenziale a visibilità quasi zero, con auto che si fermavano nelle piazzole di sosta impossibilitate a proseguire.

Ma l’Italia non è la sola a essere colpita dal maltempo.
Sabato 12 luglio la città di Novosibirsk, in Russia, è stata colpita da una delle più terribili grandinate, provocata dall’intensa ondata di caldo che si è posata in Siberia centrale e occidentale. Teniamo conto che la temperatura media di luglio, che è il mese più caldo, in genere è sui 19° C, mentre adesso si è impennata fino a 37° C!

Grandine a Novosibirsk - 12 luglio 2014
La dimensione di un chicco di grandine a Novosibirsk del 12 luglio 2014, confrontata con una palla da tennis [@02]

La conseguenza è che, all’arrivo delle masse di aria fredda, si è scatenato inevitabilmente un temporale violento, con fulmini, forte vento e grandinate.
Come potete vedere dai video che seguono, il fenomeno è stato preceduto da violente raffiche di vento e da cumulonembi (qui una descrizione di cosa sono). In breve, è caduta una pioggia torrenziale accompagnata da grandine grossa come arance, che ha provocato danni e ferite sulle persone in fuga. Il maltempo, purtroppo, ha provocato anche la caduta di un albero su tre bambini, due dei quali sono rimasti uccisi.

Leggi Tutto >>

Spazio - rappresentazione di pianeti e di una stella

L’immensità dello spazio in un’unica infografica. Dall’orbita dei satelliti alla fascia degli asteoridi, fino ad arrivare ai confini del sistema solare [@01]

Se vi siete mai chiesti quanto sia “grande” lo spazio, date un’occhiata alle immagini che seguono In un’unica, lunga infografica (qui divisa in 5 immagini) avete sottomano le dimensioni in scala dell’universo che ci circonda da vicino, fino ai limiti dell’eliosfera, ovvero quell’enorme «bolla» in cui è compreso tutto il sistema solare.
Avrete un’idea di quanto vicini siano in realtà i nostri satelliti, la fascia di asteroidi e i pianeti che ci orbitano vicini.

Non si conosce ancora il raggio dell’eliosfera per mancanza di dati precisi, ma si stima che possa essere attorno ai 100 UA (1 UA è circa 150 milioni di chilometri, pari alla distanza tra la Terra e il Sole). Oltre questo limite, comunque, il campo magnetico del Sole non ha più effetto.

Le immagini sono state adattate alla pagina: cliccate sopra a ognuna per aprirla a grandezza naturale.

Leggi Tutto >>