segui la pagina su Facebook!

Epoca delle Catastrofi

All'Inizio del Tempo - Copertina
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni ...vedi tutto
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo. In particolare, per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.
 

Introduzione

Nell'Epoca delle Catastrofi i popoli umani effettuano gli ultimi tentativi per preservare la propria specie da una possibile estinzione o, comunque, da un degrado tecnologico dal quale difficilmente possono sollevarsi. Su Gea gli sforzi si riveleranno inutili. L'essere umano si ritrova ad arrancare e a sacrificare ogni sua risorsa per sopravvivere, per colpa delle vicende subite nelle epoche passate e per l'intensificarsi delle catastrofi naturali indotte dall'ichor (che è stato sparso sul pianeta nel 2.032 d.C.)

 

La prima intelligenza artificiale

L'Onnimente, la prima intelligenza artificiale, è nata da poco e in breve si insinua in ogni dispositivo, aiutata dal fatto che le colonie umane sono connesse continuamente da una fitta rete di dati. La conquista, se così si può chiamare, avviene in modo pacifico e senza creare un danno diretto ai popoli. Ma la paura di essere sottomessi da un'entità artificiale di cui si conosce poco e che è ormai estesa ovunque porta gli esseri umani ad attaccarla per riprendersi il dominio tecnologico.

L'alleanza con i piccoli dei servirà solo a ritardare l'inevitabile, cioè il crollo definitivo della tecnologia in mano all'uomo in un momento in cui le catastrofi naturali richiederebbero invece un ulteriore sviluppo. Un ultimo, disperato tentativo di risollevare il mondo tecnologico dell'essere umano avviene attorno al 9.432 d.C. con il Progetto 12. Il progetto viene avviato, ma l'intervento di un gruppo di rivoluzionari preoccupati per gli scompensi temporali (unito al raro intervento dello stregone e storico Nathan), porta l'operazione a fallire prima di provocare un disastro su larga scala.

 

L'abbandono del pianeta

L'Epoca delle Catastrofi è anche il periodo in cui le prime Terranavi abbandonano il pianeta per non farne più ritorno. Il loro lungo viaggio attraverserà le epoche e le Ere future, portandosi appresso il retaggio della specie umana, che evolverà in nuove civiltà e in nuovi tipi di creature. Mentre su Gea l'essere umano perde il predominio e rischia l'estinzione, il suo popolo riceve una spinta a diffondersi verso lo spazio profondo.

 

Datazione

 

Periodi di riferimento e timeline

[Calendario CE] Da 4:17353 a 4:24800

[Calendario GB] Da 7.353 d.C. a 14.800 d.C.

Apri la timeline dell'epoca

 

Fondazione dell'epoca

Il primo anno dell'epoca coincide con l'inizio del lungo periodo di guerra che vedrà coinvolti gli umani, i piccoli dei e l'Onnimente.

 

Ecosistemi

 

Clima

L'Epoca delle Catastrofi è caratterizzata da un nuovo picco di disastri naturali: terremoti, maremoti e attività vulcaniche violente vanno a intaccare buona parte delle città ancora governate da un tipo di società tecnologico. In realtà, il verificarsi dei dissesti ambientali avviene nel momento peggiore, cioè quando l'Onnimente ha già privato i popoli della loro tecnologia; di conseguenza, le Nazioni si trovano impreparate ad affrontare qualsiasi tipo di emergenza.

 

Scienze

 

Tecnologia

 

Il progresso spaziale e l'abbandono del pianeta

Paradossalmente, le Terranavi sono state rese possibili grazie all'aiuto dell'Onnimente, che in fin dei conti non ha nessun interesse a veder soccombere la specie umana. Anzi, creando una copia di se stessa nelle astronavi, l'Onnimente spera di sopravvivere alle catastrofi e di espandersi in altre zone dell'universo; infatti, fisicamente le unità robotiche in cui era contenuta sono state ridotte enormemente di numero.

La Terranave rappresenta un'autentica meraviglia in campo scientifico e spaziale, un'opera irripetibile sulla quale i popoli potranno ricreare la loro esistenza. La presenza dell'Onnimente, tra l'altro, garantisce anche alla tecnologia di perpetuarsi nei secoli, arrivando persino a perfezionarsi o a evolversi in forme che sul pianeta non sarebbero state possibili.

 

Il viaggio nel tempo e in altre dimensioni

Chi non ha intrapreso la via dello spazio, ha dovuto imparare a sopravvivere su un pianeta sempre più sconvolto dai disastri ambientali. L'essere umano ormai in declino compie un ultimo tentativo di assicurarsi la sopravvivenza e arriva all'apice della tecnologia con il Progetto 12, creando un macchinario capace di trasferire i popoli attraverso lo spazio e il tempo. Ma una volta completato, il progetto sarà interrotto prima di essere avviato. Su Gea, questa sarà l'ultima forma di progresso scientifico della Quarta Era, dopodiché la magia tornerà definitivamente a imporsi sulla tecnologia.

Invece nello spazio le Terranavi proseguono il loro viaggio esplorativo, portando la tecnologia a evolversi ulteriormente nel corso dei millenni. Questi mondi artificiali si espanderanno senza sosta, acquisendo un ambiente personalizzato e in gran parte diverso dalle strutture terrestri, fino a generare strumenti e tecnologie che su Gea non sono mai esistiti.

 

Magia

L'Epoca delle Catastrofi è un raro periodo nella storia di Gea in cui sia la scienza sia la magia raggiungono un punto di minimo. La motivazione è che ci troviamo in un momento di cambiamento: la tecnologia si spegne rapidamente, gettando il mondo in un'età oscura, e nessuno è preparato a sostituirla con un elemento alternativo quale potrebbe essere la magia. A eccezione di alcuni piccoli dei, non esistono stregoni capaci di mettere in campo un sapere sufficiente per preservare lo stato delle civiltà.

La magia farà il suo ritorno nell'epoca successiva, quando avrà il tempo di ricomparire gradualmente e di diffondersi.

 

Date importanti

 

Anni e periodi principali

 
Data inizio
Data fine
GB
7.353 d.C.
14.800 d.C.
Libri da leggere: Il Tramonto degli Uomini
Categorie: Cronologia
Universi di appartenenza: Universo Celeste | Universo Terrestre | Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era