È vero che la Luna influenza le nascite, le mestruazioni, l’agricoltura e la crescita dei capelli?

Quarto di Luna con campo e uomo in silhouette
Secondo la tradizione la Luna influenza l’agricoltura, le nascite, la crescita dei capelli e le mestruazioni. Ma gli studi scientifici dimostrano il contrario [@01]

La Luna ha sempre avuto un fascino particolare agli occhi dei popoli. L’abbiamo usata per misurare lo scorrere del tempo, per scacciare il buio della notte, per scrivere poesie, per creare miti simili a splendide favole, per sognare di colonizzare lo spazio quando Neil Armstrong ha messo piede sul suo terreno per la prima volta nel 1969.

Video – Le leggende metropolitane sulla Luna

In questo video di Adrian Fartade trovate buona parte degli argomenti che riassumo nell’articolo. Adrian è uno YouTuber e un ottimo divulgatore di scienza, in particolare astronomica, e spesso analizza in dettaglio alcune delle leggende metropolitane più diffuse.

Se non avete tempo di guardarvi l’intero video, potete saltare l’introduzione e iniziare dal minuto 24, dove Adrian inizia a elencare i vari luoghi comuni legati alla Luna e gli studi che li riguardano.

Perché crediamo che la Luna abbia un’influenza su di noi?

Entriamo un attimo nella nostra psicologia. Quando un elemento esercita un forte interesse, l’essere umano è portato a creargli attorno un’aura di mistero e una lunga serie di leggende metropolitane, che poi si tramandano di generazione in generazione fino a diventare una realtà.

Fa parte della mente umana e del suo “essere proiettata sul futuro”. In noi si annidano da sempre superstizioni e il desiderio che una forza invisibile ci osservi e influenzi la nostra vita, magari migliorandola. Quando ci capita una coincidenza positiva (per esempio, se il raccolto è stato davvero più abbondante durante la fase di luna crescente) tendiamo a considerarla una verità che si ripete, anche se non abbiamo delle vere prove per affermarlo; in seguito saremo convinti che in effetti il raccolto sia più abbondante grazie alla Luna crescente, mentre se il raccolto sarà migliore durante la Luna calante sarà stato di sicuro “un caso”.

Le prove e gli studi scientifici

Per capire se una teoria è una verità o una leggenda metropolitana, servono dati e analisi sul campo. Sono stati fatti numerosi studi, sia su grande che su piccola scala, e non sono mai state trovate evidenze che l’attrazione lunare e le fasi lunari possano avere una qualche influenza sulla nostra vita o sugli elementi che ci circondano.

Per capirci meglio, passiamo in rassegna alcuni dei luoghi comuni più diffusi.

La lista dei luoghi comuni

L’agricoltura: luce e attrazione di gravità

Luna piena su campo di fiori
L’attrazione gravitazionale della Luna è troppo debole per avere un effetto significativo sul raccolto e sulla crescita delle piante [@02]

La tradizione vuole che i nostri antenati, privi della tecnologia moderna, si regolassero in base alle fasi lunari su quando piantare il seme. L’idea è che se la Luna è in fase crescente, allora “spingerà” la pianta a crescere più velocemente. Dal punto di vista psicologico, la nostra mente è portata a pensare che se la Luna si mostra con una luce più viva o appare “più grande” in cielo, allora esercita un’influenza maggiore.

In realtà stiamo facendo due errori. Il primo è che la Luna è sempre presente e non dipende da quanta luce mostra nel cielo: anche quando non la vedete in cielo, il nostro satellite sta ruotando vivo e vegeto attorno alla Terra e la sua influenza resta sempre pressoché identica. Che sia piena oppure no, lei si trova sempre sopra le nostre teste: cambia solo il modo in cui viene illuminata.

Il secondo errore è l’idea che siccome la sua attrazione influenza le maree, allora deve per forza influenzare ogni elemento sulla Terra. Ma l’origine delle maree è più complicato e riguarda (tra le altre cose) anche la rotazione terrestre, per cui questo tipo di attrazione funziona perché è su “scala planetaria”; nel piccolo, l’attrazione della Luna è quasi inavvertibile.

[Senza entrare nei dettagli sulle maree, potete dare un’occhiata all’introduzione su Wikipedia e, meglio ancora, al link del CICAP che trovate a fine di questa pagina. In un mio articolo trovate invece una descrizione su cosa sia la gravità].

Tanto per essere chiari, se voi passate vicino a un fiore esercitate su di esso una forza di attrazione ben più grande di quanto non faccia la Luna (piena o vuota che sia). In altre parole, è più efficace mettere davanti a un seme uno spaventapasseri che lasciarlo a bagnarsi della luce lunare.

Il raccolto più buono

Una nota a parte: la tradizione spiega anche che coltivando in un certo periodo lunare, il raccolto sarà più gustoso. A riguardo non ci sono studi a smontare questa idea, perché richiederebbero di esaminare un enorme numero di campioni, dove metà coltivazioni sarebbero “senza Luna” e l’altra metà “con l’infuenza della Luna”: in base alla differenze si capirebbe se le fasi lunari ricoprono in effetti un ruolo.

È chiaro che una simile analisi è quasi impossibile, sono troppi i vizi che potrebbero verificarsi (le due “metà” dovrebbero essere coltivate esattamente allo stesso modo, con la sola differenza delle fasi lunari). Ma a questo punto sorge spontaneo un dubbio: allora come facevano i nostri antenati a sapere che le fasi lunari influenzavano il sapore se non avevano dei paragoni abbastanza grandi su cui basarsi? Non è più probabile che sia una questione di gusto personale?

Dopotutto le aziende agricole che coltivano su larga scala non si affidano mai alle fasi lunari per sapere quando e come coltivare, si basano su tutt’altri parametri. Visto che queste aziende sono rivolte al guadagno e si avvalgono quindi di esperti pagati profumatamente, se la Luna avesse davvero un’influenza di sicuro lo saprebbero e ne terrebbero conto.

Aumento della nascite, ciclo femminile e crescita dei capelli

Il discorso dell’agricoltura può essere fatto anche per la crescita dei capelli, che di certo non vengono influenzati dalla Luna crescente o calante. Se così vi è sembrato ogni volta che siete stati dal barbiere o dalla parrucchiera, sappiate che è solo una convinzione personale senza basi scientifiche.

Altri dati statistici hanno smontato anche la credenza che la Luna crescente possa influenzare il numero di nascite o addirittura l’aumento dei suicidi. Per quanto riguarda le nascite è stato fatto uno studio nel 2001, negli USA, a dir poco approfondito che ha coinvolto 70 milioni di nascite: il risultato è che non c’è nessuna correlazione tra le nascite e le fasi lunari.

Ancora più assurda è la teoria secondo cui il ciclo femminile possa essere sincronizzato con le fasi lunari: se così fosse, tutte le donne presenterebbero le mestruazioni nello stesso identico periodo (cosa che ovviamente non succede).

Il complotto: la Luna non esiste o non ci siamo mai arrivati

Luna piena - Foto dal Giappone
Ogni elemento che affascina e ha un certo mistero, prima o poi diventa oggetto di un complotto. La Luna non fa eccezioni [@03]

Di recente è tornato alla ribalta il tema del complotto secondo cui la NASA non sarebbe ancora riuscita a far sbarcare gli astronauti sulla sua superficie. La discesa dell’Apollo 11 sarebbe tutta una montatura creata per mantenere un’apparenza agli occhi del pubblico e per “manipolarlo”.

Qualcuno si spinge ancora più in là, affermando che la Luna stessa non esisterebbe e sarebbe una proiezione falsa o una sorta di “immenso cartellone” piazzato nel cielo.

Il tema è troppo esteso per trattarlo qua e richiederebbe un articolo a parte, ma per quanto riguarda lo sbarco del 1969 vi segnalo l’ottimo libro (gratuito) scritto da Paolo Attivissimo: «Luna? Sì, ci siamo andati!».

Fonti principali
Alla fine del video di Adrian Fartade vengono citati alcuni degli studi scientifici più importanti
CICAP - La Luna e le nascite - Tra le altre cose fa un'analisi dettagliata sul funzionamento delle maree
Etichette
Etichette:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.