segui la pagina su Facebook!

Anno 16074, Quinta Era

Attenzione! Le pagine degli anni potrebbero contenere informazioni che possono svelare la trama di un libro
Questa pagina dovrebbe essere vista soltanto dopo aver letto il libro o i libri a cui è collegata.
Il Sinkal - Copertina
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, s...vedi tutto
« Un'epica fantasy, ambientata in un mondo dove la magia e la spada sono simboli di un'Era che sta per tramontare. Potenti stregoni e cavalieri legati da un codice d'onore sono obbligati a scendere in campo per difendere gli interessi dei loro regni. Gli imperi degli uomini e degli elfi, infatti, si fronteggiano da anni senza un vincitore. I popoli sono costretti a isolarsi; i tradimenti, le battaglie e le conquiste sono all'ordine del giorno. Devan è un sinkal, una creatura dalle straordinarie capacità nata dagli incroci tra i popoli, e il richiamo nel sangue non gli permette di assistere in disparte alla caduta del suo mondo. Dimostrato il valore con la spada, si mette a capo del vasto esercito degli umani e rapidamente sottomette una terra dopo l'altra. Richiama ai suoi comandi i guerrieri più capaci e le specie più terribili, come i vampiri. Combatte mostri guardiani, centauri e città ribelli e viola il regno delle fate, minacciando il cuore dell'impero degli elfi. Ma trovare la pace è più difficile di quanto possa immaginare. »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo.
 

Dettagli sulla notazione

Calendario gregoriano (GB)
38.502 d.C.

Calendario standard (CE)
5:16074

Calendario gregoriano (GA)
2.033,150 d.C.


Per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.

 

Timeline

Anno 5:16074 sulla timeline

Epoca del Sangue sulla timeline

 

Riassunto degli eventi

  • Caduta dell'impero di Ystora e dell'impero di Kerastra. Termina la lunga Guerra dei Popoli e nasce il Regno Libero.

 

La fine della Guerra dei Popoli

 

La caduta di Ystora

La campagna di conquista di Kerastra prosegue verso nord-ovest, raggiungendo innanzitutto le montagne abitate dai nani. Il popolo dei nani rappresenta uno dei grandi scogli dell'espansione, perché i suoi domini si trovano in una posizione scomoda da raggiungere e capace di rappresentare una grave minaccia alla stabilità dell'impero. Questo, aggiunto al fatto che tra le montagne si celano importanti artefatti magici e tecnologici, rende il dominio una preda appetibile.

Il generale Devan si trova però a fare i conti con le difficoltà della marcia, le trappole piazzate dagli abitanti e la stanchezza dei suoi uomini che marciano già da diverse settimane. Il risultato è che, il 2 luglio 5:16074 (38502 d.C.), la prima battaglia contro i nani si conclude in una vittoria difficile e che lascia sul campo numerosi morti. Tra l'altro, l'intervento di Radasha pone fine prematuramente alla conquista delle montagne: lo stregone vuole infatti impedire all'impero di mettere le mani sui tesori contenuti nel ventre della roccia e si impone al loro passaggio con incantesimi temibili, tra cui una tormenta di neve che si abbatte sui soldati impreparati a sostenerla.

Devan è costretto ad abbandonare le montagne e il proposito di sottomettere il popolo dei nani. Torna quindi a concentrarsi sul suo principale obiettivo, cioè l'Isola degli Elfi, capitale del nemico impero di Ystora. Anche in questo caso si trova ostacolato da difensori inaspettati: il Condottiero lo costringe a un duello serrato, dal quale il generale uscirà a fatica come vincitore.

Dato il poco tempo a disposizione, Devan sceglie infine di lasciarsi catturare per raggiungere l'isola sospesa senza ulteriori spargimenti di sangue. All'interno si libera dagli impedimenti, raggiunge il re Irianil Thäral e lo uccide, facendogli crollare addosso il suo palazzo. Alcune versioni ipotizzano un accordo tra il generale e il re elfo, ma il risultato non cambia: senza un sovrano a comandare, il 25 luglio 5:16074 (38502 d.C.) l'impero di Ystora cessa di esistere.

 

La caduta di Kerastra

La scomparsa di Ystora compone soltanto metà del disegno di Devan di unificare il mondo sotto un unico impero. Il suo obiettivo finale include anche l'assassinio del re di Kerastra (per il quale ha lottato durante l'intera guerra) e la dissoluzione dell'ultimo regno rimasto.

Per farlo deve appoggiarsi agli alleati che prima gli erano avversari. Stringe un patto con Farivahin e il suo Condottiero, con il quale si era scontrato soltanto pochi giorni prima; e richiama alle armi i dazar, che sono stati traditi di recente da Kerastra. Nei mesi precedenti Farivahin aveva instillato nei popoli il germe della rivoluzione e assieme a loro aveva dato il via a una marcia di liberazione delle città tenute sotto il controllo dell'impero. Di conseguenza, a pochi giorni dalla battaglia conclusiva l'impero si trova con una cinquantina di città in meno, un esercito disorganizzato e un popolo pronto ad affrontarlo.

Il 27 settembre 5:16074 (38502 d.C.) è la data ufficiale che segna la conclusione della Guerra dei Popoli. Mentre il popolo e i soldati ribelli affrontano l'esercito imperiale all'esterno, Devan entra nel palazzo reale e affronta e uccide la figlia dell'imperatore, aiutato all'ultimo momento dall'intervento del Condottiero.

Catturato, re Wintar sarà in seguito giustiziato dal popolo sulla pubblica piazza.

La caduta di Kerastra e l'incoronazione di Devan segnano la nascita del nuovo Regno Libero.