Quale sarà il futuro geologico dell’Italia e del Mediterraneo?

Cartina geografica dal satellite del Mediterraneo e dell'Italia

La placca africana sta innalzando quella euroasiatica. L’Adriatico è destinato a scomparire e il Tirreno settentrionale a diventare una pianura (1)

Il Mare Adriatico ha i giorni – anzi, i millenni – contati. Lo dimostra lo studio delle zolle terrestri e, di conseguenza, del movimento delle terre in superficie.

L’Italia sta ruotando in senso antiorario. Tra svariati millenni andrà a impattare con la costa dell’ex Jugoslavia, diventando un tutt’uno con queste terre. L’Adriatico, quindi, scomparirà e si presume che l’impatto provocherà un innalzamento delle rocce, dando vita a una nuova catena montuosa.

Cosa possiamo dire per la placca Africana, che sta spingendo l’Italia verso l’alto al ritmo di 7 centimetri all’anno? La zolla africana continuerà inesorabilmente il suo percorso verso nord, inabissandosi sotto alla zolla euroasiatica (su cui si trova l’Italia).
Contrariamente a quanto ci si aspetterebbe, le Alpi hanno praticamente raggiunto l’apice della loro altezza: la spinta non le porterà più ad alzarsi, ma a erodere quello che già esiste. Tutto il contrario per gli Appennini, ancora in procinto di crescere.


Gli effetti dello spostamento coinvolgeranno anche i fiumi. Senza l’Adriatico, infatti, il fiume Po dovrà scorrere a ovest e dirigersi verso una nuova destinazione: il Mar Tirreno.
Anche il Tirreno cambierà radicalmente. La sua parte nord si libererà dalle acque e formerà una nuova pianura, sulla quale troveranno posto la Sardegna e la Corsica. Queste due isole diventeranno, quindi, dei nuovi rilievi a cielo aperto.

Naturalmente si parla di un processo che avrà il suo apice tra milioni di anni. Alcune percezioni del movimento le abbiamo attraverso i terremoti improvvisi, ma in genere l’opera è estremamente lenta.
Quando tutto sarà finito, di sicuro non saremmo lì ad assistere ed è probabile che neppure la razza umana sopravviva abbastanza per poter registrare l’avvenimento.

Fonti esterne

La pagina da cui è stato costruito l’articolo

Copyright immagini

(1) http://www.ravennaedintorni.it/blog-ravenna-e-dintorni/72/eppur-si-muove/30593/la-terra-trema.html

Etichette
Etichette:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.