Mantide Empusa pennata

A differenza di altre mantidi, l’Empusa pennata femmina non mangia il maschio dopo l’accoppiamento. Il maschio ha lunghe antenne pennate, da cui deriva il nome [@01]

L’Empusa pennata prende il nome dalle lunghe antenne caratteristiche del maschio adulto, che danno a questo insetto un aspetto particolare.

L’Empusa pennata è piuttosto difficile da vedere e, al di là dell’aspetto, ha una caratteristica distintiva rispetto alle altre mantidi: dopo l’accoppiamento, la femmina non cannibalizza il maschio.

Leggi Tutto >>

Uomo fuma sigarette elettronica

Si sa poco sulla reale pericolosità delle sigarette elettroniche e sul loro aiuto per smettere di fumare, anche se sono meno dannose delle sigarette tradizionali [@01]

Gli studi sembrano dimostrare che le sigarette elettroniche siano meno tossiche delle sigarette tradizionali, sebbene possano dare comunque dei problemi di salute.

Le ricerche sono però scarse e gli esperti non sono concordi sui dati. Inoltre, non si conoscono ancora le conseguenze sul lungo termine e alcuni test (limitati) dimostrano che non aiutano più di tanto a smettere di fumare.

Leggi Tutto >>

Polpo in acquario

Oltre ad avere tre cuori per pompare il sangue, il polpo ha un’intelligenza spiccata, un grande numero di neuroni e la capacità di mimetizzarsi cambiando colore [@01]

Il polpo ha un’intelligenza unica tra gli invertebrati, che lo rende capace di imparare per associazione e di aprire il coperchio di un barattolo per raggiungere il cibo.

Oltre ad avere il sangue di colore blu, possiede ben 3 cuori, cambia colore in pochi secondi per mimetizzarsi e ha 6 volte il numero di neuroni di un topo.

Leggi Tutto >>

Fulmine nel lago

Restare vicino all’acqua durante un temporale è molto pericoloso, perché l’acqua è un ottimo conduttore di elettricità. Meglio allontanarsi subito [@01]

Se un fulmine cade nell’acqua entro un raggio di 30-40 cm, può ferire o addirittura uccidere una persona. L’onda d’urto, inoltre, si propaga fino a una ventina di metri, rischiando di stordirci e di farci annegare.

Anche se mancano delle statistiche precise per le vittime colpite mentre si trovavano in acqua, sappiamo che restare in acqua in caso di fulmini è molto pericoloso, per cui il consiglio è di raggiungere subito la riva.

Leggi Tutto >>

Uomo di spalle sulla strada sprigiona una bolla di fuoco

Il potere attiva gli stessi meccanismi nel cervello che ci regalano piacere e contentezza. Quando è troppo, però, ci rende insensibili e senza inibizioni [@01]

Il potere attiva gli stessi meccanismi nel cervello che entrano in funzione durante il sesso o l’assunzione di cocaina, quindi ci regala piacere e contentezza.

Quando però il potere è troppo o troppo poco, gli effetti sul nostro umore e sul nostro comportamento si estremizzano e diventano incontrollati.

Leggi Tutto >>

Schema unione tra cuore e mente

Dopo pochi secondi da un arresto cardiaco, il cervello smette di reagire. Ma una parte della mente resta cosciente e ci inonda dei ricordi della nostra vita [@01]

Dopo 30 secondi da un arresto cardiaco, il cervello smette di funzionare e siamo clinicamente morti. Ma gli studi dimostrano che la coscienza continua a lavorare per altri 3 minuti.

In questo lasso di tempo, il cervello ci inonda dei ricordi del nostro passato nel tentativo di farci attaccare alla vita e di spingerci a reagire. Il meccanismo è alla base delle esperienze di pre-morte.

Leggi Tutto >>

Ominidi di cera nel Museo della Preistoria delle Gole del Verdon

Se oggi camminiamo sul pianeta Terra, lo dobbiamo a una mutazione genetica che 200mila anni fa impedì all’essere umano di estinguersi [@01]

Tra 100 e 200mila anni fa la specie umana è arrivata sull’orlo dell’estinzione, scendendo ad appena 10mila o forse addirittura a 5mila individui.

Le cause sono legate alle malattie e alle infenzioni che uccisero i nostri antenati. Soltanto i pochi fortunati che, grazie a una mutazione, riuscirono a sviluppare le difese ebbero la possibilità di salvarsi.

Leggi Tutto >>

Gruppo di indigeni cacciatori in mezzo alla prateria
Per funzionare bene, un gruppo di esseri umani deve essere composto da 148 individui. Le prove si trovano anche nei gruppi e nel comportamento dei popoli antichi [@01]

Considerando il volume della nostra neocorteccia, il gruppo ideale per noi risulta essere di 148 individui. Oltre questo numero, sono necessarie delle regole rigide per funzionare bene.

L’essere umano si aggrega in gruppi ottimali di circa 150 individui senza quasi rendersene conto.

Leggi Tutto >>

Teoria della Terra piatta - Schema

L’idea che nel medioevo ritenessero la Terra piatta è un luogo comune, tramandato dagli umanisti. In realtà i dotti sapevano bene che il nostro pianeta è sferico [@01]

No. Nel medioevo si sapeva bene che la Terra era di forma sferica, nonostante ci fossero dei personaggi pubblici che remassero contro corrente.

La falsa convinzione nacque nel corso del 1500, quando gli umanisti analizzarono le mappe medievali a forma circolare, simili ai planisferi che usiamo oggi: secondo loro era la prova che i medievali ritenevano la Terra a forma di disco.

Leggi Tutto >>

Schema dell'evoluzione dalla scimmia all'uomo (sbagliato)
Il famoso schema che mostra l’essere umano evolversi dalla scimmia secondo una linea ben precisa è sbagliato. In realtà, l’evoluzione agisce in modo più complesso [@01]

Il classico schema in cui l’essere umano evolve progressivamente a partire da uno scimmione che cammina sulle nocche, trasformandosi in ominidi sempre più glabri, è pura arte e non corrisponde alla realtà.

Nella realtà storica l’essere umano si è evoluto in parallelo con gli altri primati, tra cui lo scimpanzè, e in ogni caso la sua crescita è stata tutt’altro che lineare (come lo è stata per qualunque altra specie).

Leggi Tutto >>