segui la pagina su Facebook!

Anno 16073, Quinta Era - dicembre 14

Attenzione! Le pagine degli anni potrebbero contenere informazioni che possono svelare la trama di un libro
Questa pagina dovrebbe essere vista soltanto dopo aver letto il libro o i libri a cui è collegata.
All'Inizio del Tempo - Copertina
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni ...vedi tutto
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
Per informazioni sulla cronologia e sulla misurazione del tempo, vedi la pagina cronologia e misurazione del tempo.
 

Dettagli sulla notazione

Calendario gregoriano (GB)
38.501 d.C. (14 dicembre)

Calendario standard (CE)
5:16073 (14 dicembre)

Calendario gregoriano (GA)
2.033,150 d.C.


Per i dettagli sul calendario vedi la pagina calendario standard.

 

Timeline

Anno 5:16073 sulla timeline

Epoca del Sangue sulla timeline

 

Riassunto degli eventi

  • Sotto la guida di Devan, Kerastra affronta la flotta di Sarkar, ottenendo una larga vittoria. Il successivo attacco alla capitale, però, si traduce in una disfatta.

 

Assalto a Sarkar

 

La flotta degli gnomi

Forte di un esercito di 100 mila uomini, il generale Devan entra nella città di Bewas, rinomata sede di un popolo di gnomi laboriosi ed esperti nel campo delle scienze tecnologiche e chimiche.

Lo scopo del generale è di utilizzare la città come base portuale per le navi che andranno ad affrontare la flotta di Sarkar, successiva tappa di conquista. In realtà, Devan aveva ordinato mesi prima agli gnomi la costruzione di 600 triremi, in vista di un suo futuro arrivo; in caso contrario, la costruzione delle imbarcazioni avrebbe richiesto dei mesi preziosi.

La flotta di Sarkar è riconosciuta come la più imponente e la più capace tra le flotte marine, soprattutto perché è dotata di tubi capaci di sputare fiamme attraverso un procedimento chimico e di incendiare così le navi nemiche. Inoltre, gli anni di esperienza trascorsi nei mari hanno portato i marinai a elaborare strategie mirate.

Lo scontro in mare aperto si risolve in breve, grazie agli speroni impiantati sapientemente dagli gnomi sulle loro navi che distruggono le fiancate avversarie. L'esercito imperiale sbarca sulla costa dell'isola nemica perdendo soltanto un centinaio di triremi; il numero di morti, seppure alto, è accettabile considerando la forza marina del nemico.

Non appena sbarcati sulla costa, però, ad aspettare Kerastra si trovano delle trappole esplosive lasciate all'interno di alcune navi apparentemente abbandonate a riva. La trappola provoca oltre 40 mila morti e la perdita di un altro centinaio di triremi.

 

La capitale inviolabile

Devan sceglie comunque di attaccare la capitale, approfittando del fattore sorpresa e del crollo recente di un lato delle mura, che ha aperto una preziosa breccia sul lato ovest della città fortificata. Ad aspettare l'esercito si trova una fila di arcieri, che mietono alcune vittime, dopodiché inizia lo scontro in corpo a corpo.

Le sorti della battaglia sembrano favorire Kerastra, fino a quando il vashaar Duncan, protettore della città, non interviene a cavallo. La nomea dei vashaar è terribile e fa subito breccia nel cuore dell'esercito già provato dai precedenti fallimenti. La fanteria imperiale cade quindi nel panico e Devan è costretto a ritirare le truppe.

Dei 100 mila soldati di Kerastra iniziali, al termine della battaglia ne restano abili non più di 30 mila: una pesante sconfitta che mette a repentaglio l'intera campagna di espansione.