segui la pagina su Facebook!

Progresso scientifico e tecnologico

Questa pagina è un abbozzo o è incompleta.
Anche se pubblicato, il contenuto di questa pagina sarà sottoposto a integrazioni e modifiche future.
All'Inizio del Tempo - Copertina
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni ...vedi tutto
« Un racconto mitologico dai contorni irreali, ambientato in un mondo dove le emozioni prendono vita e dove la luce e l'oscurità si affrontano senza vie di mezzo. Prima della storia che conosciamo, le entità vivevano in un mondo al confine tra l'esistenza e l'immaginazione. Passavano i giorni a dare una forma e un senso agli elementi, e le loro azioni modellavano il Destino Immutabile. Era il Tempo dei Sogni. Per poterle rappresentare i popoli hanno attribuito alle entità un aspetto umano e un carattere che esalta la loro natura. Così l'Eco può solo ripetere le parole che ascolta, la Forza scava la roccia a mani nude e il Tempo vede l'oggi e il domani come se fossero il presente. La leggenda a questo punto si perde nel mito e i racconti parlano di un'alba in cui un terribile cambiamento sconvolse le quattro terre. Ebbe inizio con la comparsa del Nulla. Quando bussò alle loro porte, le entità si trovarono costrette a lottare per la loro sopravvivenza... »
 

Introduzione

Questa pagina ripercorre in linea generale il progresso scientifico e tecnologico che ha accompagnato le epoche delle varie Ere. Poiché l'argomento sarebbe troppo vasto per presentarlo in un'unica pagina, per approfondire i dettagli ci saranno rimandi a diverse pagine esterne.

 

Quarta Era - Epoca dell'Uomo

 

Periodi di riferimento e timeline

[Calendario CE] Da 4:7977 a 4:14410

[Calendario GB] Da 2.023 a.C. a 4.410 d.C.

Apri la timeline dell'epoca

 

Diffusione della mimateria

A partire dal 4:12283 (2283 d.C.), la creazione in laboratorio della mimateria rappresenta una nuova rivoluzione in vari settori. In breve tempo, diventa il materiale più usato dalle società tecnologicamente avanzate per costruire strutture mobili e immobili. Nelle metropoli gran parte degli elementi artificiali è costruito in mimateria, soprattutto per sfruttare la sua capacità di rigenerazione in caso di danni subiti.

Tuttavia, sebbene la mimateria sia molto usata, anche in fase avanzata si continuano a usare i materiali ordinari, che sono più malleabili e stabili. Tra l'altro, le città meno avanzate non hanno abbastanza fondi o una tecnologia abbastanza elevata per potersi permettere un uso massiccio della mimateria.

 

Scoperte scientifiche

Le manipolazioni future della mimateria portano a scoprire alcune leggi fisiche prima sconosciute e si ipotizzano dei metodi per separare i quark tra loro. Nel 4:12455 (2455 d.C.) si osserva per la prima volta il versino, la particella ultima che compone la materia ordinaria. Tuttavia serviranno secoli per capire come scindere i versini e sfruttare l'energia che deriva dal procedimento (l'energia zero). Nel 4:12716 (2716 d.C.) si riesce a contenere l'energia in strutture apposite e il passo successivo sarà la creazione dei generatori zero, delle tecnologie pensate per ottenere una fonte di energia pulita e rinnovabile.

Nel 4:12744 (2744 d.C.) si scopre la legge di attrazione estesa, una legge fisica che in futuro porterà all'antigravità. L’evento avrà grandi ripercussioni, portando alla creazione del motore gravitazionale e della gravità artificiale sulle astronavi e sulle colonie.

 

Transumanesimo

L'introduzione sul mercato dei dispositivi spinali è un passo fondamentale per mettere in comunicazione le menti umane con le tecnologie. Si tratta di strumenti capaci di avviare le tecnologie con un comando mentale, di immagazzinare i ricordi come un secondo cervello e di far imparare delle nozioni complicate in pochi minuti. I modelli più avanzati sono miniaturizzati grazie alla mimateria e quindi sono trasportabili ovunque.

I dispositivi spinali sono il primo tassello di un sogno che ha il potenziale per diventare reale: la vita eterna. Le tecnologie sempre più complesse permettono di salvare l'esatta copia del corpo e della mente di un soggetto; in seguito, in laboratorio sarà possibile clonare l'originale e innestargli i ricordi e le esperienze. Di fatto, un defunto può tornare in vita.

Nella realtà quello della resurrezione (che in questo periodo è chiamata reintegrazione) è un argomento delicato. I dubbi etici e morali sono molti, ma anche i rischi economici e politici; il governo emana delle leggi specifiche per impedire le clonazioni non autorizzate e vigila senza tregua sui comportamenti illegali in tal senso. Il risultato è che le reintegrazioni legali sono molto rare e la vita eterna resta un sogno realizzabile solo sulla carta. Questo continuerà a essere vero anche nell'epoca successiva.

 

Risorse energetiche

La scoperta dell'energia zero e della materia zero cambia radicalmente l’accesso alle risorse e il progresso tecnologico. L'energia zero permette di ricavare molta più energia di quella immessa per il processo di partenza, pertanto si ha a disposizione una fonte di energia pulita e rinnovabile.

Ma la legge prevede che un terzo del sostentamento energetico della popolazione cittadina debba essere garantito da altre forme di energia pulita, come sicurezza in caso di bisogno. Tra le varie fonti di energia pulita si contano:

  • le foglie artificiali che simulano quelle delle piante e che, oltre alla produzione di ossigeno in ambienti chiusi, garantiscono anche una fonte di energia;
  • lo sfruttamento del calore del nucleo terrestre;
  • lo sfruttamento dell'energia cinetica provocata dalla tettonica a placche (con i terremoti si accumula un'enorme quantità di energia);
  • lo sfruttamento delle onde dell'oceano, energia usata soprattutto per le città marine e per le imbarcazioni automatizzate;
  • l'uso della mimateria che, con le giuste direttive, con il suo movimento e il campo magnetico creato permette di accumulare un'energia potenzialmente illimitata.

Nelle città medio-grandi, l'elettricità non viaggia mai attraverso i fili. Finché ci si trova in città, in un edificio o in un veicolo tutti i dispositivi vengono continuamente caricati al massimo via wireless. La batteria dei dispositivi serve solo se si entra in zone non coperte dai ripetitori elettrici.

 

Tecnologie più piccole dell'atomo

Grazie alla materia zero, invece, si ha a disposizione un tipo di materiale anomalo, diverso dalla materia ordinaria e che permette di agire su scale molto piccole. La materia zero è l'unico materiale possibile da usare per creare tecnologie più piccole dell'atomo (pico e femtotecnologie), perché è indipendente dai legami che regolano le particelle subatomiche. Affinché queste tecnologie resistano alle variazioni ambientali, che altrimenti trasformerebbero la materia zero in energia zero pura, sono costruite con il tipo di materia zero ad alta densità.

In tempi successivi la scienza si è dedicata a creare gli atomi che compongono l'universo. Conoscere e manipolare l'energia zero, in linea teorica permette di creare da zero in laboratorio qualsiasi particella. Nella realtà, questa conoscenza viene solo sfiorata e raggiunge l'apice grazie alle conoscenze dell'Onnimente (quindi in fase molto avanzata), restando però sempre incompleta. Per gli esseri umani persino l’idrogeno, l'atomo più facile da creare, è soggetto a un'alta percentuale di fallimento.

Nonostante i fallimenti, la creazione di atomi a partire dall'energia zero ha portato a un progresso insperato. Per esempio, le astronavi sono dotate di strumentazioni per creare idrogeno e ossigeno continuo, in modo da mantenere l'aria respirabile e da produrre l'acqua necessaria all'equipaggio.

 

Informatica e robotica

Per approfondire l'argomento:

Nelle case dei cittadini si vedono computer sempre più performanti e che sfruttano degli elementi atipici per ricavare l'energia e creare la struttura necessaria per funzionare. Nel 4:12046 (2046 d.C.) esce al pubblico il primo computer biologico funzionante, che usa cellule neuronali organiche integrate con componenti di silicio. Sarà la base per creare, in un futuro più lontano, i computer corporali che saranno tanto usati nell'epoca successiva.

Accanto a questi computer che si basano sulla biochimica dell'essere umano si trovano altri dispositivi che sfruttano invece l'ambiente. Il computer atomico, per esempio, ricava l'hardware e i dati dalle molecole dei gas presenti nell'atmosfera.

Di pari passo con lo sviluppo informatico e ingegneristico, si sviluppa anche la robotica. All'inizio i robot si specializzano nelle attività e si possono suddividere in categorie ben precise, ma con il trascorrre dei secoli diventano sempre più complessi e multifunzionali. I robot sono usati in ambito lavorativo, domestico e pubblico, per esempio per la pulizia automatica delle metropoli.

 

Esplorazione e colonizzazione spaziali

Per approfondire l'argomento:

Le scoperte scientifiche descritte sopra e lo sviluppo di motori per astronavi più potenti portano a esplorare una generosa porzione dello spazio. Nel frattempo, si raggiunge uno dei sogni proibiti dell'essere umano che ha cominciato a formarsi dopo lo sbarco su Luna: la colonizzazione spaziale. Nel 4:12218 (2218 d.C.) Marte è il primo pianeta a essere colonizzato in modo permanente e nel millennio successivo seguiranno a ruota numerosi altri pianeti e satelliti naturali.

La colonizzazione spaziale è favorita dalla robotica e dalla tecnologia, che permettono tra le altre cose la creazione dei gusci planetari, cioè di cupole che proteggono le colonie e permettono un controllo quasi completo sull'atmosfera e sulla gravità. Il modello di esempio è, naturalmente, Gea, il pianeta di origine da cui sono partite tutte le colonizzazioni: le nuove conquiste cercano infatti di replicare la sua composizione atmosferica e la sua accelerazione di gravità.

 

Elenco delle tecnologie principali del periodo

 

Quarta Era - Epoca della Tecnologia

 

Periodi di riferimento e timeline

[Calendario CE] Da 4:14411 a 4:17352

[Calendario GB] Da 4.411 d.C. a 7.352 d.C.

Apri la timeline dell'epoca

 

La rivoluzione dell'Oracolo

Nel 4:14411 (4411 d.C.) si introduce ufficialmente l'Oracolo, una rete che connette i dispositivi di tutte le colonie. Ogni individuo nel mondo moderno è adesso connesso di continuo alla rete, per cui il concetto di privacy viene meno. Grazie all'Oracolo la tecnologia fa passi da gigante e nei secoli successivi si risolvono alcuni problemi di carattere universale.

I dispositivi privati sono a tal punto capienti che ciascuno può scaricare l'intero contenuto dell'Oracolo in locale (cioè una sua copia statica), che quindi è disponibile ovunque si vada. Questo avviene per esempio nelle armature: l'armatura è progettata per eseguire continuamente il download dell'Oracolo aggiornato quando si trova in standby, oltre a quando richiesto manualmente. In ogni caso i sistemi ufficiali agiscono sulla base dell'Oracolo online, mentre la versione statica offline è usata soltanto allo scopo di ricercare le informazioni; la versione offline viene utilizzata non appena l'armatura (o il dispositivo) non è più connessa alla rete.

Con l'Oracolo cambia anche la cultura umana. Ogni individuo ha una propria area idetica in rete, cioè una raccolta di dati che lo identifica in modo univoco e tiene traccia della sua intera storia personale. Qualsiasi azione è registrata e può essere rivista al bisogno, come se fosse un ricordo completo e senza le tipiche imperfezioni che la mente umana crea quando richiama una memoria.

 

Computer personali e robot avanzati

I dispositivi per accedere alla rete, inviare e ricevere dati sono numerosi e di vario tipo. Si tratta di tecnologie già presenti nell'epoca precedente e adesso sviluppate per potersi integrare in particolare con l'Oracolo e avvantaggiarsi dei suoi calcoli rapidi. I computer più comuni continuano a essere i computer corporali e i computer atomici, soprattutto per uso personale. Invece gli edifici e gli uffici preferiscono ancora l'uso dei computer a schermo fisso, cioè di computer che hanno una struttura fisica immutabile e già preimpostata: tra questi si contano i computer molecolari che, anziché usare il binario 0 e 1 per leggere le informazioni, leggono le caratteristiche delle molecole come la forma, l’orientamento e il colore; ogni molecola ha infatti delle informazioni uniche che possono essere usate per immagazzinare e leggere i dati.

La robotica fa dei passi da gigante soprattutto dopo l'Oracolo. Oltre ad aver raggiunto un'intelligenza logica eccezionale, sviluppano una forma primitiva di creatività che rivaleggia (solo in parte) con quella umana. Un esempio è Azalee, un'entità virtuale costruita con la personalità di una cantante femminile che arriva a spopolare in tutte le colonie. I robot di aspetto umano (robumani) si fanno più diffusi e in alcuni casi sono tanto avanzati da confondersi in mezzo al popolo.

 

La rete informatica universale

Nel 4:14642 (4642 d.C.) nasce la Universal Wide Web (UWW), l'evoluzione della rete informatica che permette di comunicare in tempi brevissimi anche a grande distanza. Da questo momento le comunicazioni all'interno di un pianeta si fanno pressoché istantanee, e quelle dal pianeta a un qualsiasi punto dello spazio (comprese le altre colonie) diventano molto efficienti, con una rapidità di ricezione senza precedenti.

Se un dispositivo resta offline, quando si riconnette alla UWW deve essere ricalibrato con le nuove regole della UWW, che sono in continuo mutamento per questioni di sicurezza. È sufficiente che scarichi la copia dell’Oracolo dentro di sé per aggiornare anche le sue regole: per mantenere le regole valide, dovrà poi restare sempre connesso.

 

Reti locali

Gran parte dei dispositivi che hanno un sistema di immagazzinamento dei dati ha la possibilità di creare una rete locale, stabilendo quali altri dispositivi includere. Soltanto i dispositivi inclusi possono dialogare tra loro all’interno di questa rete. La rete locale è statica, non accede alla rete UWW e quindi non può avvalersi dell’Oracolo per recuperare nuovi dati in tempo reale; tuttavia il dispositivo che la regge, se dotato della strumentazione adatta, può recuperare informazioni dall’ambiente e aggiornare di conseguenza la rete locale.

 

Reti illegali

La UWW è l’unica rete permessa dalla legge che possa collegarsi all’Oracolo. Qualsiasi altra rete privata che cerchi di aggiornare o di scaricare dati dinamici dall’Oracolo, o una copia dell’intero Oracolo, è perseguibile per legge. La proibizione è dovuta a motivi di monitoraggio, visto che la UWW è costantemente controllata.

Sul mercato nero sono presenti varie reti illegali, in genere con dati non aggiornati o con dati parziali. Le reti illegali emulano il comportamento della UWW, ma naturalmente non possono replicare le sue regole, visto che sono in continuo cambiamento. Di conseguenza nessuna rete illegale potrà essere efficiente quanto la UWW e permettere un uso completo dell’Oracolo.

 

Esplorazione e colonizzazione spaziali

Per approfondire l'argomento:

Nel 4:14413 (4413 d.C.) le esplorazioni spaziali si intensificano grazie all'Onda di Esplorazione Automatica, una catena di sonde progettate per espandersi all'infinito e andare ben oltre il sistema Solare. Nel frattempo le astronavi si migliorano e nasce il motore zero di seconda generazione.

Nell'ultima fase dell'epoca si assistono a dei progetti grandiosi. Nuova Alba è il primo pianeta costruito interamente dall'essere umano con il supporto di gran parte delle colonie e sarà la base per la costruzione di altri planetoidi artificiali. Il progetto sarà inoltre il punto di partenza per un disegno molto più ambizioso, le Terranavi, che sono nella pratica dei protopianeti capaci di spostarsi nello spazio come se fossero delle astronavi, garantendo (virtualmente) la sopravvivenza eterna ai popoli che le abitano.

In realtà le Terranavi si dimostrano molto più complicate del previsto e la loro realizzazione avviene proprio sul finire dell'epoca, grazie al supporto materiale dell'Onnimente, che è la prima vera intelligenza artificiale nata tra le colonie.

 

Biocreazione

Tra i settori lavorativi in espansione si deve citare la biocreazione, dedicata a riportare in vita le specie animali e vegetali estinte, di solito su commissione di clienti paganti. In determinati casi è la legge stessa a imporre la creazione di specie artificiali controllate, che in questo caso sono riprodotte come autonomi o nanomacchine, ricoperte da strati organici tanto da apparire naturali. Un tipico caso sono le api, estinte da secoli a causa dell'inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico che hanno distrutto il loro ambiente di impollinazione. Allo stesso modo, altri insetti hanno avuto un analogo destino o comunque sono scomparsi in determinate regioni. Per mantenere vivo il ciclo di impollinazione delle piante, con le nanotecnologie sono stati creati secoli fa degli insetti identici a quelli originali e dotati di capacità riproduttive controllate. Adesso gli insetti robotici sono ovunque, mescolati agli insetti normali e distinguibili da questi solo a un'attenta occhiata.

Altre specie estinte non essenziali sono clonate e riportate in vita su commissione. Ne è un esempio il leopardo, estinto alcuni secoli fa a causa del bracconaggio e della scomparsa delle sue prede abituali. Infine, in laboratorio si tende a creare delle specie nuove (anche in questo caso quasi sempre su commissione), com'è il caso del corgala e dello scoiattolo ambrato.

 

Elenco delle tecnologie principali del periodo

Categorie: Scienza
Universi di appartenenza: Universo Specchio
Ere in cui compare: Quarta Era | Quinta Era | Sesta Era